Renault si aspetta una spinta dai nuovi modelli dopo il crollo delle vendite nel primo semestre

Renault pensa che le novità che presto arricchiranno la sua gamma faranno aumentare le vendite

di , pubblicato il
Nuova Renault Clio

Renault ha detto che le vendite di veicoli nel primo semestre sono scese del 6,7 per cento a causa di un rallentamento globale dell’auto. La casa francese ha però ricordato che un’offensiva di prodotto avrebbe iniziato ad aiutare ad ammorbidire il colpo nei mercati chiave. Le vendite sono scese a 1,94 milioni da 2,08 milioni di un anno prima, ha detto la società in una dichiarazione di martedì. Il crollo è stato superato da una contrazione del mercato globale a livello settoriale del 7,1 per cento, ha detto la casa automobilistica.

Renault pensa che le novità che presto arricchiranno la sua gamma faranno aumentare le vendite

“Renault ha mantenuto la sua quota di mercato nel primo semestre in un mercato in forte calo”, ha detto la casa automobilistica, aggiungendo di aver mantenuto il terreno con “nessun nuovo prodotto”. Il lancio di una nuova piccola berlina Clio contribuirà a sollevare le vendite nella seconda metà, ha detto ai giornalisti il capo delle vendite Olivier Murguet. Altri lanci includono una versione aggiornata di Zoe EV in Europa, l’Arkana in Russia, Triber in India e il veicolo elettrico K-ZE in Cina.

Mentre le vendite del marchio principale di Renault sono diminuite del 12% nel primo semestre, i marchi a basso costo hanno registrato guadagni, con Dacia in rialzo del 4,5% e il marchio russo Lada in crescita del 6,8%. Si spera ovviamente che grazie ai nuovi modelli in rampa di lancio le cose possano migliorare già a partire dal prossimo semestre per la casa automobilistica transalpina.

Leggi anche: Fiat Chrysler: per John Elkann la proposta di fusione a Renault è stata un atto di coraggio

Renault

Renault: la casa di auto francese pensa che le novità che presto arricchiranno la sua gamma faranno aumentare le vendite

Leggi anche: Renault aggiorna Clio nel tentativo di mantenere il vantaggio nel segmento delle compatte

Argomenti: