Renault porterà in Europa un veicolo elettrico da 10.000 euro entro 5 anni

Entro 5 anni Renault intende portare in Europa un veicolo elettrico da 10 mila euro

di , pubblicato il
Renault K-ZE

Secondo il CEO di Renault, Thierry Bolloré, il tanto atteso veicolo elettrico economico promesso dalla casa francese lo scorso anno potrebbe essere messo  in vendita  in Europa entro i prossimi cinque anni con un prezzo di 10.000 euro. L’amministratore delegato della casa transalpina ha affermato che la casa automobilistica è in grado di fornire un veicolo elettrico a basso costo agli europei, data la decennale esperienza nella costruzione di veicoli elettrici come la supermini Zoe. “Non tutti possono permettersi il prezzo dei veicoli elettrici oggi sul mercato. Tutti lavorano su automobili di fascia alta, ma l’elemento chiave è che dobbiamo rendere la mobilità elettrica accessibile a tutti”, ha affermato Thierry Bolloré al Motor Show di Francoforte. 

Entro 5 anni Renault intende portare in Europa un veicolo elettrico da 10 mila euro

 Renault in Cina dispone già di un EV economico che secondo molti è adatto per essere venduto anche in Europa. Ci riferiamo alla City K-ZE, una versione elettrica del piccolo crossover Kwid. La casa automobilistica francese non ha escluso di portare il crossover elettrico in Europa, qualora questo si rivelasse un successo in Cina. Da martedì questo veicolo è stato messo in vendita in Cina al prezzo di circa 8 mila euro. Considerate le modifiche che una versione europea richiederebbe non sembra azzardato pensare che questo modello in Europa possa venire proposto nella sua versione base ad un prezzo di circa 10 mila euro. Vedremo dunque quali saranno le decisioni di Renault in proposito nei prossimi anni.

Leggi anche: Renault aggiorna il crossover Captur nel tentativo di mantenere il controllo di un segmento chiave

Entro 5 anni Renault intende portare in Europa un veicolo elettrico da 10 mila euro si potrebbe trattare del crossover City K-ZE

Leggi anche: Renault: la casa francese si aspetta una spinta dai nuovi modelli dopo il crollo delle vendite nel primo semestre

Argomenti: