Renault ha intentato una causa contro Ghosn per le spese sospette

Il ministro delle finanze francese ha detto che Renault intende denunciare l'ex CEO Carlos Ghosn per 11 milioni di euro di spese discutibili

di , pubblicato il
Il  ministro delle finanze francese ha detto che Renault intende denunciare l'ex CEO Carlos Ghosn per 11 milioni di euro di spese discutibili

Il ministro delle finanze francese, che detiene una quota del 15 per cento in Renault, ha detto che il gigante dell’auto intende denunciare l’ex amministratore delegato Carlos Ghosn dopo aver identificato 11 milioni di euro di spese discutibili. La prospettiva di una nuova azione legale sostenuta dalla Francia segna un nuovo guaio per l’ex CEO della Renault, che era anche presidente della Nissan nell’alleanza con la casa automobilistica giapponese, dopo il suo arresto a Tokyo a novembre.

“Lo stato francese consegnerà tutti gli elementi alle autorità giudiziarie e ci sarà un reclamo”, ha detto il ministro delle finanze Bruno Le Maire a BFM TV in un’intervista. “Lo stato svolgerà appieno il ruolo di azionista della Renault: quando lo stato ha una partecipazione, il suo ruolo è assicurare che la governance societaria funzioni bene”, ha aggiunto. Ha detto che le conclusioni di un audit interno condotto da Renault hanno rivelato fatti “riprovevoli” e ora spetta alle autorità giudiziarie prendere la prossima decisione. L’audit interno condotto dalla casa francese e da Nissan ha identificato 11 milioni di euro di spese discutibili presso la loro controllata olandese RNBV collegata a Ghosn.

“Questi risultati hanno confermato l’esistenza di carenze all’interno di RNBV in termini di trasparenza finanziaria e procedure per il monitoraggio delle spese”, ha dichiarato la Renault  martedì. Il comunicato inoltre affermava che la società stava esaminando azioni legali sui “costi extra dei viaggi aerei” di Ghosn e altre spese “oltre a esplorare il recupero dai regali fatti da Ghosn a organizzazioni senza scopo di lucro”. Ghosn, 65 anni, che continua a professarsi innocente, è in attesa di giudizio in Giappone per accuse di aver nascosto al fisco parte del suo stipendio e di aver utilizzato fondi aziendali per spese personali.

Leggi anche: Nissan: la moglie di Carlos Ghosn interrogata dai procuratori di Tokyo

Renault

Renault

Leggi anche: Carlos Ghosn accusato per la quarta volta dai pubblici ministeri giapponesi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: