Red Bull: sottovalutare la Ferrari sarebbe sciocco

Il direttore del team Red Bull Christian Horner ritiene che sarebbe folle per loro sottovalutare la Ferrari

di , pubblicato il
Il direttore del team Red Bull Christian Horner ritiene che sarebbe folle per loro sottovalutare la Ferrari

Il direttore del team Red Bull Christian Horner ritiene che sarebbe folle per loro sottovalutare la Ferrari in vista della prossima gara di apertura della stagione di F1 2020 in Australia. La Ferrari ha impiegato fino all’ultimo giorno di prove a Barcellona per registrare un tempo sul giro che ha mostrato la loro potenziale velocità massima, ma Mattia Binotto ha recentemente dichiarato di non credere di essere ancora in una condizione per poter vincere a Melbourne. Per Horner, tuttavia, non bisogna dare troppo peso ai dati dei test.

Il direttore del team Red Bull Christian Horner ritiene che sarebbe folle per loro sottovalutare la Ferrari

“Questa è sempre la cosa più  pericolosa dei test pre-stagionali, cercare di trarre troppe conclusioni”, ha detto il britannico. “La Ferrari è sembrata in difficoltà ma stanno iniziando a migliorare e penso che sarebbe sciocco sottovalutarli andando a Melbourne. Mercedes è il campione del mondo sei volte in carica ed è ovviamente la grande favorita. “La loro forma è sempre stata forte qui, i test invernali a volte possono essere un po’ ingannevoli, ma penso che saranno i soliti team a combattere alla fine in Formula 1 quest’anno “.

Max Verstappen ha fatto eco ai commenti del suo team principal, dicendo che Melbourne è una prospettiva completamente diversa rispetto ai test a Barcellona. “L’ho fatto sei volte e i test non ti danno nulla in termini di tempi sul giro reali in quanto Melbourne è così diverso, quindi preferisco aspettare e vedere cosa succede”, ha spiegato il pilota olandese. “Melbourne può essere un GP divertente dove le cose possono andare davvero bene o no. La cosa più importante per noi qui è solo testare tutti i diversi tipi di novità sulla macchina.

Leggi anche: Red Bull pensa che la Mercedes sia 0,2 secondi avanti: “Ci riescono con il DAS”

Argomenti: