Red Bull pensa che la Mercedes sia 0,2 secondi avanti: “Ci riescono con il DAS”

Red Bull: secondo Helmut Marko, la differenza tra la sua squadra e i campioni in carica Mercedes è di soli due decimi di secondo

di , pubblicato il
Red Bull RB16

Secondo Helmut Marko, consigliere dell’Aston Martin Red Bull Racing, la differenza tra la sua squadra e i campioni in carica Mercedes è di soli due decimi di secondo, con quel margine che deriva principalmente attraverso il tanto discusso sistema DAS. Il Dual Axis System, o DAS, ha conquistato tutti i titoli del primo test sul Circuit de Catalunya. Secondo quanto riferito, il nuovo sistema Mercedes, che estende e ritrae il volante in accelerazione e frenata, modificando anche l’allineamento delle ruote anteriori, è piuttosto un vantaggio rispetto al resto della griglia sia in termini di prestazioni che di gestione delle gomme.

Secondo Helmut Marko, la differenza tra la sua squadra e i campioni in carica Mercedes è di soli due decimi di secondo

Mentre i dati suggeriscono che la Red Bull sarà la squadra principale che sfiderà la Mercedes nel 2020, il sistema DAS dovrebbe ancora dare un leggero vantaggio alle frecce d’argento mentre cercano il loro settimo doppio campionato consecutivo. I calcoli della Red Bull prevedono che il DAS dia alla Mercedes altri due decimi di secondo, che Marko afferma sia la differenza tra le due parti. “Hanno un tempo leggermente migliore di noi perché non hanno sottosterzo in curva”, ha spiegato l’austriaco. “Ci riescono con il DAS.”

Il 76enne ha continuato a cantare le lodi del partner motore Honda, che secondo Marko hanno fatto grandi guadagni durante l’inverno, come dimostrato dal ritmo di AlphaTauri. “AlphaTauri sta andando bene, non sono molto lontani da Racing Point. Hanno migliorato la centralina sotto tutti gli aspetti. Il motore ha più potenza, consuma meno e migliora la guidabilità.”

Leggi anche: Formula 1: Robert Kubica guiderà per primo l’Alfa Romeo ai test di Barcellona

Argomenti: