Red Bull mette in discussione l’ultimo aggiornamento del motore di Ferrari

La Red Bull ha messo in dubbio l'improvviso aumento di potenza dell'ultimo propulsore della Ferrari

di , pubblicato il
La Red Bull ha messo in dubbio l'improvviso aumento di potenza dell'ultimo propulsore della Ferrari

La Red Bull ha messo in dubbio l’improvviso aumento di potenza dell’ultimo propulsore della Ferrari e ha affermato che anche la Renault e la Mercedes hanno iniziato a “puntare il dito” contro la Scuderia di Maranello. Charles Leclerc ha vinto il Gran Premio del Belgio e dell’Italia dalla pole, con la Ferrari che ha ottenuto le sue prime vittorie nel 2019 subito dopo la pausa estiva. Ci si aspettava che la Scuderia del cavallino rampante fosse forte su quelle piste dato che la SF90 ha impressionato nei rettilinei per tutto l’anno, ma il consigliere della Red Bull Helmut Marko afferma che l’entità del loro dominio ha sollevato dubbi.

Red Bull ha messo in dubbio l’improvviso aumento di potenza dell’ultimo propulsore della Ferrari

Il direttore del team Red Bull, Christian Horner ha dichiarato che “una serie di domande” sono state inviate alla FIA per quanto riguarda il potenziamento del motore della Ferrari, che è arrivato quando hanno introdotto il loro aggiornamento “spec-3” in tutte le gare. E Marko afferma che le performance delle monoposto di Maranello hanno sollevato dubbi in tutto il box della F1. Marko ha detto ad Auto Bild: “Perché il motore Ferrari è così superiore? “Stiamo parlando di 40 KW [55 CV]. La Ferrari ha più potenza di ogni altra scuderia sul giro. Soprattutto nelle qualifiche, la differenza di velocità risultante sui lunghi rettilinei di Spa e Monza è stata evidente.”

“Non siamo principalmente noi a puntare il dito sulla Ferrari ma anche la Renault e la Mercedes.” Secondo Auto Bild, quando è stato interrogato sulla questione, il delegato tecnico della FIA Jo Bauer ha dichiarato: “Finora tutto sembra legale”. Il vantaggio della Ferrari sui rettilinei dovrebbe contare poco a Singapore questa settimana, dove l’elevata forza aerodinamica farà la differenza. Il capo della Scuderia Mattia Binotto non ha escluso ulteriori vittorie nel 2019 e ha dichiarato: “Stiamo lavorando a Maranello per aggiungere un po’ di carico aerodinamico. Forse alcuni nuovi pezzi saranno montati a Singapore”. 

Leggi anche: Formula 1: Ferrari ha in serbo una sorpresa per Singapore

Argomenti: