Porsche Piëch: il clan rimane fuori della gestione di Volkswagen

I membri del clan Porsche-Piech che controlla Volkswagen fuori dalla dirigenza di Porsche lo ha detto il Presidente Wolfgang Porsche

di Andrea Senatore, pubblicato il
Porsche

I membri del clan Porsche-Piech che controlla Volkswagen non saranno più idonei a servire come dirigenti della casa automobilistica tedesca, Porsche Automobil Holding SE. LO ha detto il Presidente Wolfgang Porsche ad un giornale tedesco. “Che nessun membro della famiglia è attiva nel settore operativo deve valere per Porsche SE e tutto il gruppo Volkswagen,” ha detto il dirigente al  Frankfurter Allgemeine Zeitung  in un’intervista pubblicata il Sabato.

I suoi commenti arrivano dopo che Ferdinand Piech, un membro del clan, ha venduto la maggior parte della sua partecipazione in Porsche SE, che detiene il 52,2 per cento dei diritti di voto in Volkswagen, al fratello minore Hans Michel Piech. Ferdinand Piech in passato aveva aspirazioni di condurre la casa automobilistica Porsche, ma le sue speranze sono state deluse nel 1970 perché il clan non voleva un membro della famiglia al timone.

 

Egli ha comunque continuato a tenere posizioni dirigenziali presso Audi e Mercedes-Benz prima di  diventare amministratore delegato di Volkswagen, prima che fosse controllata dalle famiglie Porsche-Piech, e presidente del consiglio di sorveglianza.

L’uscita di Ferdinand Piech da Volkswagen ha segnato la fine dell’influenza di una figura ingombrante nel settore auto che ha avuto un rapporto roccioso con la società da quando è stato spodestato come presidente nel 2015, pochi mesi prima che l’azienda è stata inghiottita nello scandalo emissioni dieslegate. Hans Michel Piech ha detto al Frankfurter Allgemeine che il segreto del successo di Porsche è stato quello di avere estranei come manager piuttosto che nominare i membri della famiglia.

 

Leggi anche: Bmw, la prima vettura totalmente autonoma arriverà nel 2021

 

Porsche

Ferdinand Piech

 

Leggi anche: Volkswagen sta preparando una battaglia legale contro la magistratura tedesca

“In qualità di membro del consiglio di sorveglianza non si può dire facilmente ad un membro della famiglia che cosa fare. È possibile però parlare con un responsabile assunto in un modo completamente diverso”, ha detto. L’uomo ha rifiutato di dire al Frankfurter Allgemeine quanto ha pagato per la partecipazione di suo fratello, che aveva un valore di mercato di circa 1 miliardo di euro.

 

Alla domanda su chi avrebbe preso il posto di Ferdinand Piech nel consiglio di vigilanza di VW, ha detto: “Devo ancora pensare a chi otterrà quella posizione.” Sia Wolfgang Porsche che Hans Michel Piech sono anche membri del consiglio di sorveglianza di Volkswagen. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Porsche, Volkswagen

Leave a Reply