Porsche fa un passo enorme verso le auto a guida autonoma

Porsche ha appena depositato un paio di brevetti per nuovi sedili progettati specificamente per le auto a guida autonoma

di , pubblicato il
Porsche

Le auto a guida autonoma sono il futuro e le case automobilistiche stanno lavorando rapidamente per sviluppare le tecnologie necessarie. Siamo già al livello 3 di autonomia. I livelli 4 e 5 non sono troppo lontani. Per prepararsi all’inevitabile, Porsche ha appena depositato un paio di brevetti per nuovi sedili progettati specificamente per le auto a guida autonoma. TaycanEVForum.com ha appena scoperto questi brevetti che rivelano un nuovo tipo di sedile che può allontanarsi e reclinarsi quando l’auto è in modalità di guida autonoma.

Porsche ha appena depositato un paio di brevetti per nuovi sedili progettati specificamente per le auto a guida autonoma

Ovviamente questi sedili non sono offerti su nessun veicolo Porsche, per il momento. Questi brevetti sono stati originariamente depositati in Germania nell’aprile 2018, ma solo recentemente sono stati pubblicati dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale. Le immagini mostrano i sedili reclinabili insieme al volante e ai pedali che si spostano, nessuno dei quali è necessario in modalità autonoma. Porsche ha precedentemente menzionato alcune idee interessanti per la guida autonoma specifiche per la pista.

Naturalmente, in questo caso non è vantaggioso disporre di sedili reclinabili. Ciò che Porsche ha in mente, molto probabilmente, è una modalità di guida autonoma per lunghe distanze in cui il conducente può tranquillamente rilassarsi. La nuova Taycan EV potrebbe un giorno essere dotata di tecnologia di guida autonoma di livello 4 o livello 5 grazie agli aggiornamenti over the air. Con questo in mente, i clienti dovrebbero semplicemente selezionare la casella delle opzioni per questi nuovi posti. Per ora, Porsche non ha fornito un calendario su quando questi sedili reclinabili faranno la produzione, ma accadrà prima di quanto molti possano pensare.

Leggi anche: Audi e Porsche: la piattaforma PPE potrebbe essere condivisa con altre case automobilistiche

Argomenti: