Polestar 1 di Volvo supera i primi crash test

Polestar 1 supera brillantemente i suoi primi crash test, ecco il video.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Polestar 1 supera brillantemente i suoi primi crash test, ecco il video.

Polestar ha completato con successo i primi crash test del suo coupé Polestar 1, il primo modello disponibile nel suo catalogo, presso il Volvo Cars Safety Center di Gothenburg in Svezia. Questo 2 + 2 coupé guidato da un motore 4 cilindri 2.0 litri associato a un propulsore elettrico, garantirà circa 600 CV di potenza e 1.000 Nm e consentirà ai suoi passeggeri di percorre una distanza di circa 150 km in sola modalità elettrica (ciclo NEDC). E il primo crash test della coupé svedese è stato tanto più importante in quanto è stato il primo per Volvo Cars, perché mai prima d’ora il costruttore svedese aveva sviluppato un modello di serie di grandi dimensioni equipaggiato con un telaio realizzato interamente in fibra di carbonio.

Polestar 1 supera brillantemente i suoi primi crash test, ecco il video

Per completare questo test sono stati necessari sette giorni di preparazione, durante i quali un prototipo di Polestar 1 ha subito un impatto frontale a una velocità di 56 km / h.”Eravamo molto entusiasti del crash test”, ha dichiarato Thomas Ingenlath, CEO di Polestar. “Questo è stato un test cruciale nello sviluppo di Polestar 1. Avevamo bisogno di sapere se le idee e i calcoli che hanno portato alla produzione di questa vettura erano buoni. Fortunatamente i primi riscontri che abbiamo avuto sono oltre modo soddisfacenti.”

Leggi anche: Polestar 2 avrà un motore da 400 cavalli e un’autonomia di oltre 500 km

Polestar 1 supera brillantemente i  suoi crash test, ecco il video che certifica come sono andate le cose

Leggi anche: Volvo punta a vendere camion elettrici in Nord America entro il 2020

Ecco il video che mostra i primi crash test della vettura di Polestar:

Leggi anche: Alibaba annuncia nuova partnership con Volvo, Ford e Bosch

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Polestar