Nissan potrebbe tagliare altri posti di lavoro

Nissan starebbe preparando oltre 4.300 licenziamenti e la chiusura di due impianti per ridurre i costi

di , pubblicato il
Nissan starebbe preparando oltre 4.300 licenziamenti e la chiusura di due impianti per ridurre i costi

Tempi difficili per Nissan. Secondo quanto riferito dalla casa automobilistica giapponese, si prevede una riduzione dei costi aggressiva che comporterà oltre 4.300 licenziamenti e la chiusura di due impianti. Secondo persone che hanno familiarità con i piani citati da Reuters, Nissan è costretta a prendere queste misure altamente impopolari dall’inatteso crollo delle vendite e dalla strategia espansionistica fallita ereditata dall’ex CEO Carlos Ghosn. Si prevede che il programma di riduzione dei costi aggiungerà almeno 480 miliardi di yen ($ 4,4 miliardi) ai profitti di Nissan entro il 2023.

Nissan starebbe preparando oltre 4.300 licenziamenti e la chiusura di due impianti per ridurre i costi

Il piano di riduzione dei costi probabilmente includerà il taglio della gamma di automobili della casa automobilistica e la moltitudine di opzioni di prodotto e finiture in ogni linea. La seconda casa automobilistica del Giappone prevede inoltre di ridurre i budget pubblicitari e di marketing. La maggior parte dei tagli di posti di lavoro avverrà presso la sede centrale di Nissan negli Stati Uniti e in Europa.

“La situazione è terribile”, ha dichiarato a Reuters una fonte anonima vicina al senior management di Nissan. Due delle fonti hanno affermato che la maggior parte dei tagli e delle misure previste per migliorare l’efficienza sono stati presentati al consiglio di amministrazione di Nissan a novembre,  ricevendo il via libera.

Leggi anche: Nissan sta lanciando un nuovo modo per i consumatori di conoscere le proprie auto

Nissan

Nissan starebbe preparando oltre 4.300 licenziamenti e la chiusura di due impianti per ridurre i costi

Leggi anche: Nissan: L’avvocato di Ghosn afferma di non avere in programma un patteggiamento

Argomenti: