Nissan ha ammesso di aver falsificato i dati sulle emissioni

Nissan ha ammesso di aver falsificato i dati sulle emissioni nocive di alcuni suoi modelli diesel prodotti in Giappone.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Nissan

Nissan ha ammesso di aver falsificato i dati sulle emissioni di gas inquinanti per i suoi veicoli diesel prodotti in Giappone. L’ammissione arriva attraverso una dichiarazione ufficiale che è stata rapidamente ripresa dai media di tutto il mondo. Il marchio giapponese spiega di aver rilevato irregolarità relative alle emissioni di scarico e manipolazioni nei suoi rapporti di ispezione. La casa automobilistica nipponica ha promesso di aprire un’indagine “completa ed esauriente” per conoscere a fondo i fatti e applicare “contromisure appropriate”.

Nissan ha ammesso di aver falsificato i dati sulle emissioni nocive di alcuni suoi modelli diesel prodotti in Giappone

Come affermato dalla società stessa, Nissan ha trovato “rapporti di ispezione basati su valori di misurazione alterati”, ma non ha specificato quanti veicoli potrebbero essere interessati da tali irregolarità. Non è chiaro nemmeno se i veicoli coinvolti vengano venduti solo in Giappone o anche in altre parti del mondo. Quando la società nipponica ha scoperto i suoi problemi di ispezione, nell’ottobre 2017 (l’ha dichiarato pubblicamente otto mesi più tardi), ha interrotto la produzione di tutti i suoi impianti giapponesi fino a quando il processo di controllo delle emissioni non si è normalizzato.

Anche la società giapponese rimane coinvolta nel dieselgate

Nissan diventa così l’ennesima azienda automobilistica coinvolta nel dieselgate, che per la prima volta ha fatto parlare di se’ nel mese di settembre del 2015 coinvolgendo il gruppo automobilistico tedesco di Volkswagen. Le case automobilistiche hanno modificato i dati sulle emissioni dei loro motori negli ultimi anni per conformarsi agli standard ambientali, che sono sempre più esigenti nei paesi sviluppati.

Leggi anche: Renault: la casa francese non prenderà il controllo di Nissan e Mitsubishi, arriva la conferma del CEO

Nissan

Nissan ha ammesso di aver falsificato i dati sulle emissioni nocive di alcuni suoi modelli diesel prodotti in Giappone

Leggi anche: Nuova Nissan Qashqai:  il Suv arriva nel 2020, la futura generazione sarà ibrida

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nissan

I commenti sono chiusi.