Mercedes unisce le forze con Bosch per sviluppare i taxi a guida autonoma anti Uber

mercedes e Bosch hanno annunciato oggi un'alleanza per lo sviluppo nel futuro prossimo di taxi a guida autonoma per fare concorrenza a Uber

di Andrea Senatore, pubblicato il
Mercedes

Mercedes e Bosch stanno collaborando per sviluppare auto a guida autonoma in un’alleanza rivolta principalmente ad accelerare la produzione di “robo-taxi.” Il patto tra il più grande produttore al mondo di auto premium e il più grande fornitore automobilistico al mondo  rappresenta un potente contrappeso ai nuovi protagonisti del settore auto, come ad esempio Uber e Didi, che stanno lavorando su automobili anche loro sulle auto a guida autonoma.

 

Le case automobilistiche  e le aziende tecnologiche si stanno preparando per un nuovo modo di fare impresa nel settore auto con i clienti che utilizzano sempre più spesso gli smartphone per individuare, noleggiare o acquistare una nuova auto.L’alleanza, che segna la fine degli sforzi di Daimler per sviluppare un veicolo autonomo in gran parte da sola, è l’ultimo esempio di come una casa automobilistica e un’azienda tecnologica  possono collaborare per garantirsi una fetta di questo mercato che è destinato a crescere in modo esplosivo nel corso dei prossimi due decenni.

 

I termini finanziari dell’accordo tra le due aziende tedesche che è stato annunciato martedì non sono stati ancora resi noti. Bosch, che è stata fondata nel 1886, lo stesso anno  di Mercedes svilupperà il software e gli algoritmi necessari per la guida autonoma insieme con la casa automobilistica di Stoccarda. La collaborazione con Bosch aiuterà Mercedes ad avere più risorse nello sviluppo dei veicoli autonomi, permettendo così di anticipare la data in cui la casa tedesca lancerà un veicolo totalmente autonomo sul mercato.

 

Il sistema autonomo sarà pronto per l’inizio del prossimo decennio, hanno annunciato da Daimler, senza rivelare quando  è previsto  esattamente il lancio commerciale di un futuro robo-taxi. “L’obiettivo principale del progetto è quello di raggiungere lo sviluppo di un veicolo  dotato di un sistema di guida che consentirà di guidare le automobili in modo completamente autonomo in città”, ha detto Daimler in una dichiarazione martedì. La casa automobilistica tedesca  intende fare concorrenza a società del calibro di Didi in Cina e Uber negli Stati Uniti.

 

L’anno scorso, Goldman Sachs ha confermato che il mercato dei sistemi avanzati di assistenza alla guida nei veicoli autonomi sarebbe cresciuto da circa 3 miliardi di dollari nel 2015 a 96 miliardi nel 2025 e di 290 miliardi di dollari nel 2035. “All’interno di un’area specifica della città, i clienti saranno in grado di ordinare una macchina automatizzata tramite il proprio smartphone. Il veicolo sarà poi in grado di fare la sua strada autonomamente per l’utente”, ha detto Daimler. “L’idea alla base è che il veicolo dovrebbe andare verso il guidatore, piuttosto che il contrario.”

 

Bosch è già uno dei maggiori fornitori al mondo di sistemi di assistenza alla guida (ADAS) avanzati e ha recentemente annunciato un’alleanza con società statunitense di tecnologia Nvidia per sviluppare un computer  per la guida  autonoma che fosse utilizzabile nelle auto di futura produzione. Anche Mercedes e il fornitore di auto ZF hanno alleanze separate con Nvidia. Prima di decidere di collaborare con Bosch, Mercedes ha avuto due team di ingegneri a lavorare sui veicoli autonomi.

Mercedes-Benz AMG Vision Gran Turismo

Mercedes-Benz AMG Vision Gran Turismo

 

leggi anche: Alfa Romeo Stelvio Diesel da 180 CV: tutto sulla nuova versione del Suv

 

Uno ha avuto un approccio evolutivo, aggiornando le capacità dei veicoli convenzionali, mentre l’altra squadra ha avuto un approccio più radicale relativo anche al design della vettura. Le applicazioni commerciali reali per i veicoli autonomi cominceranno a decollare tra il 2020 e il 2025, ha confermato Ola Kaellenius,  membro del consiglio e capo del gruppo di ricerca e sviluppo di Mercedes-Benz Cars parlando alla Reuters il mese scorso.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mercedes, Uber

Leave a Reply