Mercedes sperimenta comunicazione luminosa tra pedoni e auto a guida autonoma

Mercedes sperimenta una tecnologia che mette in comunicazione attraverso segnali luminosi pedoni e auto a guida autonoma

di Andrea Senatore, pubblicato il
Mercedes sperimenta una tecnologia che mette in comunicazione attraverso segnali luminosi pedoni e auto a guida autonoma

In futuro le auto a guida autonoma dovrebbero prendere il sopravvento su quelle manuali rendendo le nostre strade molto più sicure. Sebbene questo traguardo sembri ancora molto distante dall’essere raggiunto, le varie case automobilistiche lavorano sulla nuova tecnologia cercando di accorciare i tempi verso una sua diffusione di massa. Mercedes ad esempio sta lavorando ad un sistema di comunicazione luminoso tra pedoni e auto a guida autonoma. Questo sistema che si serve delle luci delle auto serve a far capire ai pedoni quelle che sono le intenzioni delle auto a guida autonoma.

Mercedes sperimenta una tecnologia che mette in comunicazione attraverso segnali luminosi pedoni e auto a guida autonoma

La tecnologia Cooperative del Concept mostrato da Mercedes nei giorni scorsi su un suo prototipo di Classe S serve proprio a questo. Il gigante automobilistico tedesco ha spiegato in un annuncio lunedì che la ricerca in corso ha mostrato che gli esseri umani si sentono più a proprio agio con le auto che guidano da sole se la macchina può avere un contatto visivo con loro. Così, la società ha sviluppato un sistema di telecamere a 360 gradi per una berlina Mercedes S-Class che ha chiamato appunto “Cooperative Car”. 

Strisce di luce turchese sono presenti nel parabrezza, griglia, fari, specchietti e lampade montate sul tetto per comunicare con i pedoni. Le luci montate sul tetto seguono i pedoni mentre attraversano per creare un elemento umano con l’auto autonoma e il pedone. Letteralmente, la macchina osserva gli umani per riconoscere la loro presenza. Le luci lampeggiano in vari schemi per dire ai pedoni che la macchina non è in funzione o che guida autonomamente. Tuttavia, la società ha affermato che tutti questi elementi hanno contribuito a creare fiducia tra i partecipanti alla ricerca e le auto. I pedoni possono capire esattamente cosa l’auto vuole fare attraverso le luci e i soggetti si sentono al sicuro con il contatto visivo artificiale.

Leggi anche: Volkswagen spenderà 44 miliardi di euro entro il 2023 per sviluppare veicoli elettrici a guida autonoma

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia e Stelvio: un confronto con Audi, Bmw e Mercedes nelle vendite in USA

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mercedes