Mercedes non si fida della Ferrari dopo la prima settimana di test

Mercedes non si fida della Ferrari dopo la prima settimana di test a Barcellona

di , pubblicato il
Mercedes e Ferrari

Mercedes ha analizzato la prima settimana pre-stagione 2020 sul Circuito di Barcellona-Catalunya. I tedeschi hanno dominato due dei tre giorni di test e hanno sorpreso con il rivoluzionario DAS. Tuttavia, pensano che la Ferrari abbia risparmiato ancora molta della sua potenza reale. Mercedes ha riconosciuto che i team sanno approssimativamente chi dovranno affrontare nella nuova stagione. Tuttavia, nessuno può sapere con certezza quale sia il vero potenziale di ogni squadra.

Mercedes non si fida della Ferrari dopo la prima settimana di test a Barcellona

Anche così, quelli di Brackley hanno spiegato che è molto importante conoscere i dati raccolti back-to-back nel layout Montmeló. Successivamente, con un’analisi esauriente in fabbrica , si potranno trarre conclusioni molto preziose. “Puoi dire con una certa sicurezza che i tuoi avversari sono veloci almeno quanto un’altra squadra, ma non sai con certezza quanto avrebbero potuto spremere”, hanno detto attraverso un articolo sul loro sito ufficiale. ” Nessuno significa che è più veloce di un’altra squadra, perché non si sa mai cosa è nascosto o cosa possono fare dopo”, hanno aggiunto.

La Mercedes ha già analizzato la situazione della Ferrari e della Red Bull dopo i primi tre giorni di test. Il marchio della stella d’argento crede che gli italiani abbiano ancora molto potenziale da esprimere e che gli austriaci possano sorprendere con un nuovo pacchetto aerodinamico. “Ad esempio, la Red Bull porterà un aggiornamento significativo alla seconda settimana del test? Perché la Ferrari ha girato con un motore molto più lento questa prima settimana rispetto ai suoi computer client? “.

Lo stesso Sebastian Vettel ha ammesso che la Ferrari non ha rafforzato completamente la sua unità di potenza.

In che misura si sono allentati? Queste sono cose che solo loro conoscono. ” Penso che l’obiettivo ora non sia quello di mostrare la massima potenza del motore, l’obiettivo è quello di aggiungere il massimo numero di giri possibili. Spremere l’unità di potenza non è qualcosa che desideriamo fare nei test in modo da non mostrarlo al resto.”

La preseason della scorsa stagione è stata in qualche modo diversa con una Ferrari molto solida. Ma ancora più diversi sono stati i risultati che sono stati successivamente ottenuti nel GP australiano con una doppietta della Mercedes. Quest’anno sembra che la situazione abbia preso una svolta. Le squadre sembrano aver adottato filosofie invertite rispetto allo scorso anno: la Ferrari è più cauta e la Mercedes sembra invece dare il massimo sin dall’inizio. I tedeschi hanno introdotto il rivoluzionario sistema DAS e hanno abbassato i tempi rispetto al 2019.

Leggi anche: Sebastian Vettel esprime la sua opinione sul nuovo sterzo di Mercedes

Argomenti: