Mercedes EQC: primo richiamo per il suv elettrico

Daimler sta richiamando alcuni esemplari del crossover completamente elettrico Mercedes EQC

di , pubblicato il
Mercedes EQC

Daimler sta richiamando alcuni esemplari del crossover completamente elettrico Mercedes EQC per un potenziale problema al differenziale relativo a un bullone difettoso. Lo ha dichiarato la società tedesca in una nota ufficiale. “Daimler AG ha stabilito che su alcuni veicoli EQC il bullone nella trasmissione differenziale dell’assale anteriore potrebbe non soddisfare le specifiche di durabilità.

Pertanto, non si può escludere che il bullone si rompa nel corso della vita del modello ”, ha affermato la casa automobilistica.

Daimler sta richiamando alcuni esemplari del crossover completamente elettrico Mercedes EQC

Apparentemente, questo problema potrebbe interrompere la trasmissione della coppia all’assale anteriore, causando un arresto del veicolo. Inoltre, è possibile che parti del bullone rotto possano essere alloggiate all’interno della trasmissione differenziale di Mercedes EQC, il che a sua volta potrebbe influire sulla capacità del conducente di controllare il veicolo, aumentando il rischio di incidenti.

Secondo Autonews Europe, è stata la pubblicazione dell’industria tedesca kfz betrieb a riportare inizialmente i dettagli di questo richiamo, affermando che erano stati presi di mira 1.700 veicoli. Nel frattempo Daimler ha rifiutato di commentare il numero esatto di veicoli interessati. Vi aggiorneremo naturalmente nel caso in cui dovessero arrivare nuovi aggiornamenti sul primo richiamo nella storia per il primo suv elettrico di Daimler, Mercedes EQC. 

Leggi anche: Daimler: il gruppo di Stoccarda pianifica l’elettrificazione completa per il marchio AMG

Mercedes EQC: primo richiamo per il suv completamente elettrico di Mercedes a causa di un difetto ad un bullone

Leggi anche: Mercedes-AMG GT di prossima generazione sarà ibrida e a quattro ruote motrici secondo le ultime indiscrezioni

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.