Mercedes accusata di plagio in Cina, parte la denuncia

La casa automobilistica cinese Chery ha presentato una denuncia al regolatore dei marchi di fabbrica del paese sull'uso da parte di Mercedes del nome "EQ"

di Andrea Senatore, pubblicato il
Mercedes

La celebre casa automobilistica cinese Chery ha presentato una denuncia al regolatore dei marchi di fabbrica del paese sull’uso da parte di Mercedes Benz del nome “EQ” per una linea di veicoli ad energia pulita, evidenziando la possibilità di un potenziale stop per il gruppo Daimler sul più grande mercato dell’auto elettrica al mondo.

 

Un portavoce di Chery ha detto alla Reuters giovedì, che la casa automobilistica ha presentato una denuncia presso l’Ufficio Marchi dell’Amministrazione dello Stato per l’Industria e il Commercio, nella speranza che questo vieti a Mercedes di utilizzare il nome in Cina. Chery ha denunciato di aver utilizzato il nome “EQ” per la sua auto elettrica a due porte prodotta due anni fa.

 

Mercedes ha mostrato una concept car per la sua prossima linea di veicoli elettrici l’anno scorso, dicendo che avrebbe costruito la sua prima vettura EQ in una fabbrica tedesca entro la fine del decennio. La casa automobilistica ha detto che nei prossimi anni si potrebbe realizzare una vettura EQ anche in Cina, ma non ha dato una data di lancio.

 

Un portavoce di Mercedes ha confermato in una dichiarazione scritta sempre giovedì che la società aveva presentato domanda di brevetto per quanto riguarda la sigla EQ con le autorità competenti, ma non ha avuto ulteriori informazioni.

 

Leggi anche: Nuova Mercedes CLS 2018: inedite foto spia da Spagna e Germania

 

Mercedes

Mercedes

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: in America la considerano all’altezza di Audi, Bmw e Mercedes

 

Una sentenza a favore di Chery sarebbe un duro colpo per Mercedes in un mercato chiave per i veicoli di nuova generazione che puntano forte sulle nuove energie. Basti pensare che in questo momento in Cina  sono vendute più auto elettriche rispetto al resto del mondo messo insieme.

 

Questo avviene in parte grazie ad iniziative del governo rivolte a contrastare l’inquinamento atmosferico. “Se la casa tedesca entrasse con questi modelli nel mercato cinese, avrebbe un impatto sui nostri diritti sul marchio”, ha detto la portavoce di Chery.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Audi, BMW, Mercedes

Leave a Reply