Mazda: un nuovo motore aumenta l’efficienza del 30%

Mazda introdurrà un nuovo motore, alla fine del 2018, che offrirà il 30 per cento in più di efficienza sul carburante utilizzando una nuova tecnologia

di Andrea Senatore, pubblicato il
Mazda

Mazda, celebre casa automobilistica giapponese, introdurrà un nuovo motore, alla fine del 2018, che offrirà il 30 per cento in più di efficienza sul carburante utilizzando la pressione e non le candele, per far funzionare il motore. Questa, secondo quanto raccontano i responsabili dell’azienda nipponica, sarà la prima applicazione pratica della tecnologia, chiamata homogeneous charge compression ignition. Anche se la casa automobilistica sta sviluppando veicoli elettrici ecologici, Mazda pensa che il motore a combustione interna continuerà a rappresentare la maggioranza delle vendite di nuovi veicoli per il futuro prossimo.

Il nuovo motore lo vedremo dal 2018 nella Mazda 3

Mazda prevede di incorporare il nuovo motore nel 2018 nella nuova Mazda 3, che subirà la sua prima revisione in cinque anni. Il motore poi sarà adottato gradualmente anche su altri modelli. La casa automobilistica definisce il motore come la seconda generazione della famiglia Skyactiv, propulsori dotati di tecnologie rispettose dell’ambiente, che sono stati introdotti nel 2011. Il nuovo propulsore accende la miscela di combustibile e aria sottoponendoli a pressione, rendendo la combustione più efficiente rispetto ai motori convenzionali, i quali utilizzano candele. Questo metodo riduce anche le emissioni di scarico.
Mazda

Mazda lancerà un nuovo motore nel 2018 che promette risparmi sui consumi del 30 per cento

Leggi anche: Mercedes-Benz Classe S 2017: con il facelift migliora il Drive Pilot

Nei prossimi anni il nuovo propulsore troverà spazio anche in altri modelli

Ovviamente il risparmio varia da modello in modello, tuttavia secondo una stima, il nuovo motore dovrebbe portare i consumi di Mazda 3 a 30 chilometri a litro. Mazda inizierà la produzione di massa di veicoli elettrici entro il 2019 e prevede di avere un ibrido plug-in a partire dal 2021. La casa automobilistica si rivolge ai mercati statunitensi ed europei, dove le normative ambientali stanno diventando più esigenti, ma la società prevede di integrare il motore in auto costruite per il mercato globale, tra cui alcune in via di sviluppo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mazda

Leave a Reply