Maserati, McLaren, Ferrari e Porsche: nel 2016 in Cina crescono le super car

Maserati, McLaren, Ferrari e Porsche nel 2016 in Cina hanno tutte ottenuto ottimi risultati nelle vendite di auto di lusso che tornano a crescere

di Andrea Senatore, pubblicato il
Ferrari 812 Superfast

Quattro anni dopo che il presidente della Cina Xi Jinping ha cominciato seriamente a contrastare la corruzione e il crimine organizzato, le vendite di super car stanno finalmente tornando a salire. Maserati, McLaren e Porsche hanno goduto il loro anno migliore per quanto riguarda le vendite in Cina nel 2016.  Anche Lamborghini  ha raccolto i migliori risultati dal 2013.

Questo dopo un crollo di ben 20 percentuali che ha colpito la casa automobilistica del Toro nel 2014, secondo i dati raccolti da Bloomberg Intelligence. “Le prospettive sembrano essere abbastanza buone per noi qui nel mercato cinese”, ha dichiarato Reid Bigland, amministratore delegato dei brand Maserati e Alfa Romeo che fanno parte di Fiat Chrysler Automobiles. Il numero di milionari cinesi è aumentato del 10 per cento l’anno scorso e si prevede che questi diventeranno più del doppio e cioè  1,7 milioni entro il 2026, secondo le ricerche delle società specializzate.

La fiducia dei consumatori è la più alta dopo la crisi finanziaria globale in un momento in cui l’economia cinese sembra rafforzarsi. L’analista di Bloomberg Steve Man ha dichiarato che i consumatori in Cina stanno tornando a spendere. “Il miglioramento è molto incoraggiante per la Cina, potrebbe indicare un potenziale miglioramento dell’intero mercato automobilistico di lusso”. Una tassa “super lusso” del 10% annunciata dal ministero della finanza a dicembre, per “guidare il consumo ragionevole” e ridurre le emissioni, non ha ridotto in Cina l’interesse per le automobili che costano più di 1,3 milioni di yuan.

Le vendite di Maserati sono salite del 119 per cento fino ad oggi, ha detto Bigland, che intende aumentare il numero di punti vendita per i marchi Maserati e Alfa Romeo in Cina del 50 per cento portandoli a 75 entro fine anno. McLaren Automotive prevede di vendere 300 automobili quest’anno in Cina, dopo che queste erano state 235 nel 2016, così come ha detto il capo delle vendite Jolyon Nash. Anche Ferrari mantiene in Cina una posizione fondamentale nella strategia globale dell’automobile, ha dichiarato un portavoce dal cavallino rampante.

Leggi anche: Maserati Ghibli restyling 2018: nuove foto spia dalla Germania

Maserati

Maserati

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia e Maserati Levante: i loro abitacoli tra i 10 migliori interni

 

Non sono solo i super ricchi stanno tornando a comprare, ma cresce in Cina anche la domanda di auto premium ma con prezzi più abbordabili come quelle di BMW e Audi. Le vendite totali nel mercato automobilistico della Cina possono salire a 3 milioni di unità all’anno in circa un decennio dagli attuali 2 milioni di adesso, ha dichiarato a Shanghai mercoledì il ceo di Audi Rupert Stadler. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ferrari, Maserati, Porsche

I commenti sono chiusi.