Maserati: a Grugliasco rubati 30 motori di derivazione Ferrari

Maserati: nei pressi dello stabilimento Fiat Chrysler di Grugliasco rubati 30 motori di derivazione Ferrari destinati a Ghibli e Quattroporte

di Andrea Senatore, pubblicato il
Maserati

Grugliasco nelle scorse ore è avvenuto un furto che ha riguardato 30 motori prodotti per Maserati ma di derivazione Ferrari. Si trattava di propulsori realizzati appositamente per i modelli Ghibli e Quattroporte che vengono prodotti nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles sito nel comune piemontese. Il furto esattamente è avvenuto presso la strada Settima nel piazzale della ditta A.ba.co. I ladri in 40 minuti sono riusciti a portare via i 30 motori agganciando il rimorchio che li custodiva. 

 

Maserati: il furto di 30 motori a Grugliasco

 

Per quanto riguarda il valore di questi motori di derivazione Ferrari destinati alle Maserati Ghibli e Quattroporte prodotte a Grugliasco si parla di circa 25 mila euro a motore. Tra l’altro il furto è anche molto curioso per il semplice fatto che piazzare questi motori sul mercato nero diventa assai proibitivo visto e considerato che questi propulsori presentano caratteristiche uniche e dunque sarebbero riconoscibilissimi.

 

I ladri si sono serviti per mettere a segno il loro colpo di una motrice rubata a Moncalieri un’ora prima in un deposito mezzi. La motrice è stata usata per agganciare il rimorchio e portare via i motori di Ferrari destinati alle celebri vetture di Maserati assemblate nello stabilimento Fiat Chrysler di Grugliasco. 

 

Leggi anche: Formula 1: Ferrari, le parole di Sergio Marchionne sull’avvio di stagione

 

Maserati Ghibli

Maserati Ghibli è una delle auto a cui erano destinati i 30 motori di derivazione Ferrari rubati nelle scorse ore a Grugliasco

 

Leggi anche: Ferrari: nel primo trimestre del 2017 crescono ricavi e immatricolazioni

 

Ovviamente la polizia ha aperto le indagini su questo furto del valore complessivo di 750 mila euro. In particolare si studiano le immagini provenienti dal circuito di sorveglianza che ha ripreso tutte le fasi del furto e ha mostrato come la banda di ladri fosse composta da almeno 5 persone. Le telecamere avrebbero ripreso alcune auto dei complici della banda che forse hanno fatto da vedetta e apripista per avvertire i ladri di eventuali controlli.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ferrari, Maserati