Maserati Grugliasco: in arrivo altri 7 giorni di stop

Maserati Grugliasco: nuovo fermo produttivo per altri 7 giorni ad ottobre per il famoso stabilimento piemontese di FCA.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Maserati Grugliasco

Brutte notizie per lo stabilimento Maserati Grugliasco di Torino. Altri 7 giorni di stop per la fabbrica dove vengono prodotte alcune delle più famose auto della casa automobilistica del Tridente. E’ stato Federico Bellono, segretario provinciale della FIOM-CGIL a rendere noto il provvedimento nelle scorse ore. Il fermo produttivo avverrà da oggi al 5 ottobre. Il sindacato è molto preoccupato della situazione. L’impianto sembra ormai entrato in una spirale senza via di uscita. I rappresentanti dei lavoratori commentano amaramente le notizie relative al nuovo stop produttivo affermando che sono ormai più i giorni che non si lavora rispetto a quelli in cui lo stabilimento è attivo.

Maserati Grugliasco: nuovo fermo produttivo per altri 7 giorni ad ottobre per il famoso stabilimento piemontese di FCA

A proposito di Maserati Grugliasco ma anche dello stabilimento di Mirafiori la Fiom di Torino chiede un intervento di Fiat Chrysler Automobiles per accelerare il lancio dei nuovi progetti ed in particolare dei nuovi modelli previsti dal piano industriale di FCA che dovrebbero ridare linfa ai due stabilimenti del gruppo italo americano. In particolare si vocifera dell’arrivo di un grande suv di Alfa Romeo e di un altro modello targato Maserati probabilmente un crossover dalle dimensioni simili a quelle di Alfa Romeo Stelvio. Quello che però i sindacati chiedono ai dirigenti di Fiat Chrysler ed in primis al nuovo numero uno della regione EMEA, che dovrebbe essere Pietro Gorlier, è di fare in fretta.

Leggi anche: Alfa Romeo e Maserati nei guai: Donald Trump vuole mettere una tassa del 25% sulle auto europee

Maserati Grugliasco

Maserati Grugliasco: nuovo fermo produttivo per altri 7 giorni ad ottobre per il famoso stabilimento piemontese di FCA

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Jeep e Maserati: ecco quali novità prevedeva l’ultimo piano di Sergio Marchionne

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Maserati