Maserati: a Grugliasco stop di due settimane a luglio

Fiat Chrysler ha annunciato il fermo produttivo per due settimane dello stabilimento Maserati di Grugliasco a luglio.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Maserati Grugliasco

Nel corso del prossimo mese di luglio Fiat Chrysler ha comunicato uno stop di due settimane per lo stabilimento Maserati di Grugliasco.

Lo stop produttivo avverrà tra il 9 e il 20 luglio prossimi. La notizia è stata confermata da Fiat Chrysler Automobiles alla FIOM che si dice molto preoccupata per la situazione. Le due settimane di stop non erano previste.

A luglio infatti lo stabilimento piemontese avrebbe dovuto lavorare a pieno regime. Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil ha parlato di ennesima tegola per i lavoratori dello stabilimento che temono per il loro futuro e vogliono maggiore chiarezza.

Fiat Chrysler ha annunciato il fermo produttivo per due settimane dello stabilimento Maserati di Grugliasco a luglio

Edi Lazzi, responsabile della Maserati di Grugliasco per la Fiom-Cgil torinese, teme che la situazione possa peggiorare a settembre quando tutti i mille e passa lavoratori della carrozzeria torneranno a lavoro.

La FIOM chiede chiarezza e spera che Fiat Chrysler Automobiles possa al più presto far sapere quali saranno i nuovi modelli che saranno prodotti a Grugliasco nei prossimi anni.

Solo con novità importanti infatti si potrà garantire la piena occupazione dello stabilimento e maggiori certezze per il futuro dei lavoratori della storica fabbrica piemontese. Nel sito produttivo in questione vengono realizzate alcune tra le più note auto di Maserati. 

Leggi anche: Fiat Chrysler Mirafiori: anche con il nuovo piano industriale la situazione non cambia, cassa integrazione a luglio

Maserati Grugliasco

Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato il fermo produttivo per due settimane dello stabilimento Maserati di Grugliasco a luglio

Leggi anche: Maserati: nonostante il nuovo piano industriale non ci sono certezze sul futuro dello stabilimento di Modena

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Maserati