Lynk e CO aprirà i primi concessionari in Europa nel 2020

Ad Amsterdam, Berlino, Stoccolma, Londra e Barcellona apriranno i primi negozi del marchio cinese

di , pubblicato il
Ad Amsterdam, Berlino, Stoccolma, Londra e Barcellona apriranno i primi negozi del marchio cinese

Lynk & CO, il marchio automobilistico upstart di proprietà congiunta di Zhejiang Geely Holding Group e della sua controllata svedese Volvo Cars, prevede di aprire negozi in cinque città europee nel 2020. I cinque negozi saranno realizzati ad Amsterdam, Berlino, Stoccolma, Londra e Barcellona ha detto un portavoce della casa automobilistica cinese. Lynk & CO è stata lanciata nel 2016 e posizionata sopra il marchio Geely e al di sotto del marchio Volvo nella gamma del gruppo cinese. Il marchio ha dichiarato che intende entrare in Europa entro il 2020 con il suo modello O2. Entro la fine del 2018, il marchio gestiva 221 negozi in Cina. A differenza dei concessionari tradizionali, un negozio Lynk & CO offre tipicamente ambienti aperti che includono un bar-caffetteria, un cinema e un’area giochi per bambini.

La casa cinese ha lanciato due crossover compatti e una berlina compatta in Cina da novembre 2017 a giugno 2018. I tre modelli condividono tutti una piattaforma con il crossover compatto Volvo XC40. L’anno scorso, il marchio ha consegnato 120.414 veicoli in Cina. A luglio 2017, Volvo ha ottenuto una quota del 30 per cento nel marchio cinese che così può accedere alla nuovissima piattaforma modulare di Volvo, denominata Scalable Product Architecture, per veicoli di medie e grandi dimensioni.

Le auto del brand sono prodotte nello stabilimento di Geely a Zhangjiakou, nella provincia di Hebei, nel nord della Cina. Inizialmente, Volvo aveva intenzione di avviare la costruzione di veicoli Lynk & CO in uno stabilimento in Belgio alla fine del 2019. Ma la casa automobilistica svedese ha ritardato il piano alla fine dello scorso anno, citando le crescenti incertezze economiche. Non è noto se i veicoli che la società cinese intende vendere in Europa saranno importati dalla Cina o prodotti localmente.

Leggi anche: Volvo: in California i concessionari protestano contro il servizio di abbonamento per auto

Lynk e CO

Leggi anche: Volkswagen fa la spesa in casa Volvo, ecco cosa ha acquistato per 122 milioni

Argomenti: