L’Unione europea rende obbligatori altri due sistemi di sicurezza nelle auto per il 2022

L'Unione Europea espande il numero dei sistemi di sicurezza che devono essere obbligatori in tutte le nuove auto

di , pubblicato il
L'Unione Europea espande il numero dei sistemi di sicurezza che devono essere obbligatori in tutte le nuove auto

L’Unione Europea espande il numero dei sistemi di sicurezza che devono essere obbligatori in tutte le auto che escono dalla catena di produzione. Lo scorso aprile, il Parlamento europeo ha approvato una nuova misura da attuare entro il 2022, che obbliga le case automobilistiche a includere i sistemi di frenata di emergenza e l’avvertimento di eccesso di velocità nell’equipaggiamento standard di tutti i modelli, sia autovetture, veicoli commerciali, autobus e camion, poiché è stata dimostrata la loro efficacia e che essi contribuiscono a ridurre il numero degli incidenti.

L’Unione Europea espande il numero dei sistemi di sicurezza che devono essere obbligatori in tutte le nuove auto

Ora vengono aggiunti altri due sistemi molto interessanti: il rilevatore di mancanza di attenzione e affaticamento e un immobilizzatore per ingestione di alcol in tutti i nuovi veicoli, due misure che mirano a ridurre ulteriormente il numero degli incidenti. E’ stato Timo Harakka, ministro del lavoro finlandese, a volere fortemente questa novità sottolineando che “Queste nuove regole ci aiuteranno a ridurre in modo significativo il numero di morti su strada e lesioni gravi sulle strade dell’Unione Europea” .

Entrambe le soluzioni sono state richieste nel 2018 e approvate ora. Con esse la Commissione europea prevede di evitare 25.000 morti e 140.000 feriti gravi e aumentare la sicurezza stradale. L’Europa ha dato il via libera a una modifica della legge per i produttori di installare un dispositivo di registrazione delle informazioni, una scatola nera di quelle utilizzate nell’aeronautica che raccoglie tutti i dati, soprattutto ora che i veicoli hanno più assistenti e aiuti per la guida, un cambiamento che apre la strada alle nuove tecnologie con funzioni di guida autonome più avanzate.

Leggi anche: L’Unione Europea impone l’avviso acustico alle auto elettriche e ibride dal 2021

 

Argomenti: