La MotoGP aggiorna il suo calendario 2020 a causa del coronavirus

Ecco come la MotoGP è stata costretta a modificare il suo calendario a causa del Coronavirus

di , pubblicato il
MotoGP

La crisi globale causata dal coronavirus ha colpito la MotoGP in modo molto pesante. In effetti, in poche ore il campionato del mondo di moto è stato costretto a cancellare il GP del Qatar per la classe regina – correranno solo Moto2 e Moto3 – e a rimandare il GP thailandese. Nonostante tutto, Dorna si è mossa con agilità per cercare una nuova data per l’appuntamento che si celebra a Buriram, posizionando il GP di Thailandia nel fine settimana del 4 ottobre. In questo modo, il promotore della Coppa del Mondo raggiunge il suo obiettivo di mantenere il calendario dei 20 Grand Prix, 19 per la classe regina.

Ecco come la MotoGP è stata costretta a modificare il suo calendario a causa del Coronavirus

La decisione di collocare il GP di Thailandia nel fine settimana del 4 ottobre ha costretto Dorna a spostare avanti la celebrazione del GP di Aragona di una settimana. L’appuntamento ad Alcañiz avrà luogo il 27 settembre, in vista di una finale di campionato davvero serrata. Tuttavia, con l’inclusione della Thailandia prima del tradizionale tour in Asia e Oceania, la MotoGP avrà un totale di quattro Gran Premi in cinque settimane. In effetti, Aragona, Tailandia, Giappone e Australia si disputeranno in un periodo di un mese esatto, tra il 27 settembre e il 25 ottobre.

Invece l’inizio della stagione sarà più libero e mentre Moto2 e Moto3 inizieranno la stagione al GP del Qatar l’8 marzo, la classe regina non inizierà la sua stagione fino al GP delle Americhe che è previsto per il fine settimana del 5 aprile al COTA.

Leggi anche: MotoGP: dopo il Qatar nemmeno in Thailandia si correrà

Argomenti: