La Formula 1 ha guadagnato seguaci grazie a Netflix, secondo Brawn

Ross Brawn afferma che la serie "Drive to Survive", prodotta da Netflix ha fatto aumentare i fan della Formula 1

di , pubblicato il
Drive To Survive - Netflix

Ross Brawn afferma che la serie “Drive to Survive”, prodotta da Netflix, non è stata eccessivamente redditizia per la Formula 1 in termini economici, ma si compiace del guadagno dei follower che hanno raggiunto grazie alla dimostrazione non solo dell’azione in pista, ma anche di cosa succede dietro le quinte. “Quello che abbiamo scoperto è che è stato molto interessante per coloro che non sono fan delle corse. In realtà, li ha trasformati in fan delle corse. Alcuni promotori, durante la passata stagione, hanno affermato di aver notato un crescente interesse per la F1 grazie alla serie Netflix “.

Ross Brawn afferma che la serie “Drive to Survive”, prodotta da Netflix ha fatto aumentare i fan della Formula 1

“E’  stato fantastico. Quella d Netflix è il tipo di iniziativa che stiamo cercando, avere una visione globale di come possiamo crescere come Formula 1 “, afferma Brawn, in un evento di 188Bet, partner di F1. Per quanto riguarda le virtù della serie, l’ingegnere britannico è affascinato dalla capacità di mostrare agli spettatori ciò che accade dietro le telecamere e anche nelle fabbriche delle Squadre di Formula 1.

“Penso che sia davvero bello mostrare ai fan l’altro lato della F1, perché la maggior parte vede solo quello che succede in pista. Improvvisamente appare dietro le quinte, sia nei box che nelle fabbriche. Penso che abbia dato alla gente una visione affascinante “, aggiunge. Infine, Brawn sottolinea il successo dell’iniziativa Esports.

“La nuova generazione è molto impegnata negli Esport di tutti i tipi. Vogliamo stabilire una connessione tra F1 ed Esports. La nostra iniziativa Esports è stata un successo fantastico. Tutti i team di F1 hanno presentato i team. Ciò comporta un nuovo interesse per sport “, afferma Brawn per concludere.

Leggi anche: Formula 1: Sebastian Vettel attende con impazienza il GP d’Australia

Argomenti: