La Ferrari rinuncia a Maranello per il lancio dell’auto del 2020

La Ferrari ha annunciato che il lancio mediatico della monoposto di F1 di quest'anno l'11 febbraio non avrà luogo a Reggio Emilia

di , pubblicato il
La Ferrari ha annunciato che il lancio mediatico della monoposto di F1 di quest'anno l'11 febbraio non avrà luogo a Reggio Emilia

La Ferrari ha annunciato che il lancio mediatico della monoposto di F1 di quest’anno che avverrà l’11 febbraio non avrà luogo nella sede principale dell’azienda a Maranello. Invece la grande inaugurazione avrà luogo a qualche decina di km di distanza in uno dei più grandi teatri d’Italia, il Teatro Valli di Reggio Emilia. “Abbiamo scelto Reggio Emilia, perché 223 anni fa, questa città era il luogo in cui nacque il tricolore in seguito adottato come bandiera dell’Italia unificata. Il Teatro Valli è quindi la cornice perfetta per rivelare l’ultima vettura della Scuderia Ferrari“, ha aggiunto il team del cavallino rampante nella sua dichiarazione.

La Ferrari ha annunciato che il lancio mediatico della monoposto di F1 di quest’anno l’11 febbraio non avrà luogo a Reggio Emilia

La presentazione sarà trasmessa in streaming in diretta sul sito Web della Scuderia Ferrari e sulla pagina Facebook dalle 17.30 GMT. Saranno presenti i piloti Charles Leclerc e Sebastian Vettel e il caposquadra Mattia Binotto, insieme ad altre figure importanti del team Ferrari. Dopo la SF71H del 2018 e della SF90 dell’anno scorso, il team deve ancora rivelare il nome della nuova auto che attualmente viene semplicemente chiamata Progetto 671.

Binotto ha dichiarato alla rivista Ferrari di essere ottimista sul fatto che il team potrebbe finalmente tornare alla vittoria nel 2020. “Abbiamo tutti i requisiti necessari per fare bene”, ha insistito. “Ma niente è scontato. “I nostri avversari, come noi, si stanno anche rafforzando per migliorare”, ha avvertito. “Il livello di concorrenza non è mai stato così elevato.” Tuttavia, i rapporti di questa settimana di Auto Bild in Germania che citano “fonti affidabili all’interno della Ferrari” suggeriscono che gli ingegneri del team sono preoccupati per i risultati dei recenti test in galleria del vento dopo che il team ha deciso di adottare l’approccio di Red Bull per il fondo della auto.

Leggi anche: Formula 1: Netflix annuncia la data di uscita della seconda stagione di “Drive to Survive”

Argomenti: