Jeep Grand Cherokee: anche l’Olanda apre indagine su Fiat Chrysler

Jeep Grand Cherokee anche dall'Olanda arriva la notizia che le autorità competenti starebbero indagando sui livelli di emissioni del veicolo di FCA

di Andrea Senatore, pubblicato il
Jeep Grand Cherokee

Jeep Grand Cherokee è al centro di una vera e propria bufera mediatica dopo che l’EPA, l’agenzia della protezione ambientale degli Stati Uniti ha annunciato di aver aperto delle indagini sui livelli di emissione di questo veicolo che viene venduto anche in Europa. Dopo la Gran Bretagna anche dall’Olanda arriva la notizia che le autorità competenti del paese starebbero indagando sul veicolo per capire se realmente qualcosa di illecito si sia verificato. L’Autorità di vigilanza sul mercato dell’auto olandese ha aperto un’indagine sul possibile uso di software truccati. La notizia ovviamente non fa per niente piacere ai responsabili europei del gruppo italo americano diretto dal numero uno, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. 

Jeep Grand Cherokee: anche l’Olanda ci vuole vedere chiaro

E’ stata Bloomberg citando l’emittente locale Nos a dare per prima la notizia sulle indagini che avrebbero messo sotto la lente d’ingrandimento la Jeep Grand Cherokee, modello di punta nella gamma del brand automobilistico americano che fa parte di Fiat Chrysler Automobiles. La notizia in questione arriva proprio nel momento in cui lo scontro diplomatico tra Italia e Germania sembrava aver finalmente abbassato i toni. Vedremo dunque queste indagini, che si affiancano a quelle avvenute in Germania e a quelle che stanno avvenendo nel Regno Unito, a cosa porteranno.

Leggi anche: Fiat Chrysler, dalla Francia prima denuncia per il presunto dieselgate

Jeep Grand Cherokee 2019

Jeep Grand Cherokee: aperte indagini anche in Olanda sulla vettura di Fiat Chrysler Automobiles

Leggi anche: Fiat Chrysler, crescita record in Europa nel 2016 grazie ad Alfa Romeo

Nel frattempo segnaliamo anche che i responsabili del Ministero dei Trasporti italiano hanno confermato nuovamente che i dati sulle emissioni dei modelli che secondo il Ministro dei Trasporti tedesco andrebbero ritirati dal mercato in realtà sono regolari. Vedremo dunque questo scontro istituzionale che ha per oggetto il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles come si evolverà nelle prossime settimane.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler, Jeep