Jeep in crisi negli USA, ma c’è un motivo

Jeep: le vendite negli Stati Uniti del brand americano di Fiat Chrysler Automobiles hanno subito un calo negli ultimi mesi, vediamo i motivi

di Andrea Senatore, pubblicato il
Jeep

Il marchio iconico Jeep è centrale nella strategia di Fiat Chrysler per rafforzare la sua posizione nel settore auto a livello mondiale, ma le vendite negli Stati Uniti del brand hanno subito un calo negli ultimi mesi. Il capo di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore Sergio Marchionne, sta riflettendo sullo scorporo di Jeep proprio come avvenuto con lo spin-off di Ferrari per raccogliere ulteriori capitali ma al momento il brand americano serve a FCA per far crescere ulteriormente le sue immatricolazioni.

 

Jeep in calo negli Stati Uniti

Ma dopo un lungo periodo di crescita costante, le vendite negli Stati Uniti di Jeep sono scese del 18 per cento in maggio e sono scese del 13 per cento finora quest’anno.Todd Goyer, portavoce della casa americana, ha detto che la battuta d’arresto è temporanea. “E ‘a causa di una riduzione deliberata delle vendite di flotta e anche a causa della transizione dalla vecchia Compass e Patriot al nuovo modello” ha detto in una e-mail. Inoltre, egli ha osservato che “le vendite globali di Jeep sono aumentate del sei per cento nel 2017, considerando il periodo di tempo fino a maggio.”

 

Questo calo delle vendite giustificato da Goyer come vi abbiamo appena riportato, ha costretto Fiat Chrysler a fermare la produzione di Jeep temporaneamente negli stabilimenti di Belvidere, in Illinois e Toledo in Ohio. Mentre le vendite di veicoli come il popolare Jeep Grand Cherokee restano buone, con una crescita dell’11 per cento in maggio, altri fattori potrebbero provocare un rallentamento nei piani di espansione di Jeep, secondo quanto affermato dagli analisti. “I veicoli Fiat Chrysler hanno costantemente stazionato nelle posizioni più basse delle classifiche relative alla qualità del prodotto e della soddisfazione dei clienti” , ha detto Michelle Krebs, analista di Autotrader.

 

Secondo gli analisti soffre la concorrenza in aumento nel settore

 

Secondo l’analista ” l’azienda sembra incapace di apportare i necessari miglioramenti”,  e questo potrebbe  aver messo un freno alle vendite. Nel frattempo, la concorrenza è in aumento e questo mette più pressione sul marchio. Proprio questa settimana,  Honda ha iniziato a costruire la sua Acura MDX, un concorrente diretto del Grand Cherokee, in un secondo stabilimento in Ohio per tenere il passo con la domanda. Karl Brauer, editore esecutivo di Kelley Blue Book, ha osservato che Jeep ha inizialmente approfittato della mania americana per i SUV ma adesso anche gli altri marchi stanno recuperando posizioni.

 

John Murphy, analista di Bank of America Merrill Lynch, ha osservato che le case automobilistiche europee come Volkswagen, BMW e Mercedes-Benz stanno introducendo nuovi veicoli commerciali di lusso sfidando Jeep in un segmento in cui era stato dominante fino a poco tempo fa.

 

Leggi anche: Fiat e Alfa Romeo: in Germania a maggio 2017 crescono bene

 

Jeep Grand Cherokee

Jeep Grand Cherokee

 

Leggi anche: Fiat Panda, Tipo e 500: a maggio sono le 3 vetture più vendute in Italia

 

Mike Manley, il dirigente FCA responsabile per il marchio Jeep, ha detto in un’intervista all’inizio di quest’anno che il marchio continuerà ad avere un incremento delle vendite “modesto” per quest’anno in quanto continua ad espandersi in nuovi mercati in Asia.In Cina, dove le vendite di veicoli Jeep sono aumentate del 131 per cento nel 2016, Manley ha detto che si aspetta un altro grande aumento da Jeep  quando essa avrà tre veicoli differenti disponibili per i clienti cinesi.Ribadendo che Jeep avrà la capacità di costruire 350.000 unità in Cina e potrebbe costruirne di più con l’aumento della domanda.

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia, importante collaborazione tra Henkel e Fiat Chrysler

 

Jeep Cherokee

Jeep Cherokee

 

Leggi anche: Fiat Tipo supera Volkswagen Golf in Italia e parte alla conquista del mondo

 

Jeep ha inoltre avviato la costruzione di veicoli in India per la prima volta lo scorso 1 giugno presso il nuovo impianto di Ranjangaon. In quella fabbrica verranno costruite le versioni con guida a destra del nuovo Compass per il mercato indiano e per gli altri mercati con guida a destra. “Abbiamo venduto quasi 1 milione di veicoli nell’area Nafta lo scorso anno”, ha detto Manley, ma è la crescita al di fuori del Nord America che continua a sollevare le vendite totali del marchio.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler, Jeep