Jaguar Land Rover conferma 4.500 licenziamenti come parte del suo “piano di trasformazione”

Oltre 4.500 licenziamenti previsti nel nuovo piano del gruppo inglese a causa delle grosse perdite registrate nel 2018

di Andrea Senatore, pubblicato il
Jaguar Land Rover

Il gruppo Jaguar Land Rover ha confermato che taglierà 4.500 posti di lavoro dalla sua forza lavoro nel Regno Unito come parte di un importante programma di riduzione dei costi volto a costruire una crescita redditizia a lungo termine. I tagli rappresentano circa il 10% del personale di 43.000 dipendenti della società in tutto il paese, che comprende impianti a Castle Bromwich, Solihull e Halewood. Le perdite di posti di lavoro si vanno ad aggiungere ai 1.500 lavoratori licenziati l’anno scorso. Il gruppo inglese ha detto che la forza lavoro sarà inizialmente ridotta attraverso un programma di dimissioni volontarie.

Oltre 4.500 licenziamenti previsti nel nuovo piano del gruppo inglese a causa delle grosse perdite registrate nel 2018

Il CEO di Jaguar Land Rover, Ralf Speth, ha dichiarato: “Stiamo adottando misure decisive per contribuire alla crescita a lungo termine, a fronte di molteplici disservizi geopolitici e normativi e delle sfide tecnologiche dell’industria automobilistica”. L’annuncio di oggi da parte della più grande casa automobilistica del Regno Unito segue la domanda in calo per le sue berline con motori diesel, insieme a un forte calo delle vendite in Cina.  Ciò ha contribuito a far registrare una perdita di 90 milioni di sterline nel terzo trimestre del 2018. Oltre al crollo cinese,  hanno influenzato questo cattivo risultato anche le incertezze provocate dalla Brexit, dalle tariffe commerciali statunitensi e anche le nuove normative WLTP.

Nessuna fabbrica sarà chiusa mentre verranno effettuati nuovi investimenti per la produzione di veicoli elettrici

I tagli di lavoro fanno parte di ciò che Jaguar Land Rover chiama un “programma di trasformazione” che è impostato per migliorare il flusso di cassa e i costi per risparmiare 2,5 miliardi di sterline in 18 mesi. Nonostante le perdite di posti di lavoro, il gruppo inglese non ha fatto menzione di alcun piano per la chiusura immediata delle fabbriche. Inoltre la società britannica ha confermato ulteriori investimenti nel Regno Unito per l’elettrificazione con unità di propulsione elettrica da realizzare nel suo impianto di powertrain di Wolverhampton a partire dal 2020.

Leggi anche: Jaguar E-type elettrica: confermata la sua produzione

Jaguar Land Rover

Jaguar Land Rover

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Jaguar, Land Rover