Il salone di Francoforte si trasferirà a Monaco di Baviera nel 2021

Monaco succederà a Francoforte come città ospitante per il salone biennale tedesco dal prossimo anno

di , pubblicato il
Monaco succederà a Francoforte come città ospitante per il salone biennale tedesco dal prossimo anno

Monaco succederà a Francoforte come città ospitante per il salone biennale tedesco dal prossimo anno. La notizia è stata confermata dall’ente commerciale tedesco VDA. Le presenze al salone automobilistico di Francoforte dello scorso anno sono diminuite del 30% e, in risposta al calo dei numeri, l’industria automobilistica tedesca ha deciso di cambiare sede. C’erano tre città preselezionate: Berlino, Amburgo e Monaco, ma alla fine Monaco è riuscita ad essere la futura città ospitante. Vista la vicinanza con la sede di molte case automobilistiche tedesche, Monaco è stata la scelta naturale.

Monaco succederà a Francoforte come città ospitante per il salone biennale tedesco dal prossimo anno

La VDA ha dichiarato: “L’IAA si evolverà da una piattaforma automobilistica a una piattaforma di mobilità. La città ospitante si svilupperà in una città intelligente con concetti di traffico intelligenti e reti innovative di modi di trasporto – sostenibili e adattate alle esigenze delle persone. Monaco e il concetto di città offrono le migliori condizioni per questo – e quindi per il riavvio della IAA – secondo il consiglio del VDA. Ha continuato: “Monaco ha anche convinto rendendo il centro città e vicino alla città, luoghi di grande attrattiva come location di eventi per l’IAA. Queste sedi devono essere collegate al centro fieristico tramite un percorso di trasferimento che includa binari prioritari per veicoli ecologici”.

BMW a proposito di questa notizia ha dichiarato su Twitter: “Che scelta fantastica! La #IAA 2021 si svolgerà a Monaco e siamo lieti di dare il benvenuto a tutti nella nostra città natale ”. La notizia arriva dopo i grandi dubbi sorti negli ultimi anni sui saloni automobilistici, poiché i produttori controllano se il costo considerevole dell’esposizione vale il ritorno sull’investimento.

Il motor show di Parigi, a settembre di quest’anno, promette un allestimento radicalmente rivisto, mentre il motor show di Detroit si è spostato da gennaio a giugno nel tentativo di attrarre più espositori e visitatori.

Leggi anche: L’ex CEO di Opel giudica un fallimento il Salone di Francoforte 2019

Argomenti: