Il Piano Italia di Fiat Chrysler è confermato, lo ha detto Mike Manley

L'amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley ha confermato il Piano Italia dello scorso novembre

di , pubblicato il
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles nella persona del suo amministratore delegato Mike Manley ha confermato il Piano Italia dello scorso 30 novembre. Manley lo ha annunciato alla stampa nella giornata di ieri in occasione della conferenza stampa di presentazione delle novità che il gruppo FCA ha portato al Salone dell’auto di Ginevra. Questo significa che nei prossimi 3 anni il gruppo italo americano investirà in Italia oltre 5 miliardi di euro nei suoi stabilimenti. Il grosso investimento servirà a mettere gli impianti nelle condizioni di produrre i nuovi modelli previsti. Tra le numerose novità previste segnaliamo l’arrivo di un suv di segmento D di Maserati che sarà prodotto a Cassino, il suv compatto Alfa Romeo Tonale che verrà realizzato a Pomigliano e la Fiat 500 elettrica che dal prossimo anno sarà costruita a Mirafiori.

Mike Manley confermo il Piano Italia di FCA, oltre 5 miliardi di investimenti

Altri investimenti sono annunciati per lo stabilimento di Melfi dove verranno prodotte le versioni ibride di Jeep Renegade e Compass. Nuovi motori saranno prodotti a Termoli. Mike Manley dunque ha confermato la notizia che era già nell’aria da qualche tempo e cioè che il Piano Italia nonostante l’Ecobonus del governo non sarà modificato. Ovviamente soddisfatti i sindacati che sperano che con i nuovi investimenti venga garantita la piena occupazione negli impianti di Fiat Chrysler in Italia nei prossimi anni.

Leggi anche: Fiat Chrysler tranquillizza dipendenti e sindacati sugli effetti del passaggio all’ibrido

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles nella persona del suo amministratore delegato Mike Manley ha confermato il Piano Italia dello scorso novembre

Leggi anche: Jeep Grand Wagoneer è tra i modelli previsti dal nuovo invesimento di FCA in USA

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: