Il mercato auto europeo si ridurrà del 2%

Il mercato auto europeo probabilmente si contrarrà quest'anno, ha dichiarato l'associazione dell'industria automobilistica europea ACEA

di , pubblicato il
Il mercato auto europeo probabilmente si contrarrà quest'anno, ha dichiarato l'associazione dell'industria automobilistica europea ACEA

Il mercato auto europeo probabilmente si contrarrà quest’anno, ha dichiarato l’associazione dell’industria automobilistica europea ACEA. Si prevede che le immatricolazioni di auto diminuiranno del 2% nel 2020, ha dichiarato ACEA in una nota mercoledì. Le case automobilistiche in Europa stanno affrontando pressioni su più fronti, con tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, nonché normative che entreranno in vigore questo e il prossimo anno volte a ridurre le emissioni di carbonio.

Il mercato auto europeo probabilmente si contrarrà quest’anno, ha dichiarato l’associazione dell’industria automobilistica europea ACEA

Un punto positivo per le case automobilistiche è l’ascesa delle auto elettriche. Le vendite di veicoli elettrici dovrebbero aumentare del 32% quest’anno. Le case automobilistiche e i fornitori dovranno fare maggiore uso di siti produttivi a basso costo e cercare partenariati più ampi per condividere i costi dell’investimento. “Ci sarà una migrazione di posti di lavoro verso paesi a basso costo”, ha detto  Mike Manley, numero uno di ACEA, spiegando che il costo dei propulsori ibridi ed elettrici a basse emissioni è superiore a quello delle varianti dei motori a combustione. “Questo deve essere ribilanciato”, ha detto Manley. 

“La transizione alla neutralità del carbonio deve essere ben gestita, tenendo conto delle dimensioni sociale ed economica. La mobilità deve rimanere alla portata di tutti i cittadini europei, indipendentemente da dove vivono o dai loro mezzi finanziari”, ha detto Manley. Il CEO di Fiat Chrysler Automobiles ha richiesto una rete europea di punti di ricarica e stazioni di rifornimento per veicoli passeggeri e commerciali.

Leggi anche: Volkswagen: Diess, Poetsch e l’ex CEO Winterkorn accusati di manipolazione del mercato azionario

Argomenti: