Il CEO di Renault Bollore potrebbe avere i giorni contati

Il futuro del CEO della Renault, Thierry Bollore, è in dubbio a causa delle tensioni con il partner giapponese Nissan

di , pubblicato il
Renault

Il futuro del CEO della Renault, Thierry Bollore, è in dubbio a causa delle tese relazioni con il partner dell’alleanza Nissan, secondo quanto riportato da due giornali francesi. Il presidente della casa francese Jean-Dominique Senard chiederà al consiglio di amministrazione della casa automobilistica di cercare un successore di Bollore, ha detto Le Figaro, citando fonti senza nome.

La ricerca del successore di Bollore potrebbe essere all’ordine del giorno nella prossima riunione del consiglio di amministrazione della società transalpina il 18 ottobre.

Il futuro del CEO della Renault, Thierry Bollore, è in dubbio

Bollore era uno stretto alleato dell’ex presidente e CEO della Renault Carlos Ghosn. Ha espresso sostegno per Ghosn dopo che il suo ex capo è stato arrestato in Giappone per presunti crimini finanziari lo scorso novembre, facendo arrabbiare Nissan. Nissan ha poca fiducia in Bollore e le sue relazioni con Senard non sono eccezionali, ha riferito Les Echos, un altro giornale francese. Alcuni alla Renault si chiedono perché Bollore rimanga al timone della casa automobilistica mentre altri dirigenti vicini a Ghosn sono partiti o sono stati costretti a uscire di scena, ha detto Les Echos.

Il giornale ha anche osservato che il mandato di Senard è rafforzare l’alleanza. L’immediata condanna di Bollore all’arresto di Ghosn ha reso più difficile il riavvicinamento con la casa automobilistica giapponese. Le recenti partenze di alcuni dei principali dirigenti Renault, molti dei quali finiti nel gruppo PSA, sono anche viste come una prova di insoddisfazione nei confronti di Bollore.

Tra questi c’erano l’ex capo delle vendite e del marketing Thierry Koskas e il veterano dell’azienda Arnaud Deboeuf , che il mese scorso ha lasciato la casa automobilistica per unirsi a PSA come direttore della strategia industriale. Deboeuf ha incolpato Bollore per aver forzato la sua uscita. Bollore è arrivato di recente nella casa francese. Dopo una carriera che includeva collaborazioni con fornitori francesi Michelin e Faurecia, è entrato a far parte della casa automobilistica come capo della catena di produzione e fornitura nel 2012.

È cresciuto rapidamente sotto Ghosn, diventando Chief Competitive Officer nel 2013 e n. 2 di Ghosn nel ruolo di Chief Operating Officer nel 2018. Bollore ha sostituito Ghosn come CEO a gennaio, quando Senard, ex presidente della Michelin, è stato nominato presidente della Renault.

Leggi anche: Fiat Chrysler: il Presidente di Renault gela il Senato francese

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.