I taxi a guida autonoma arriveranno a Londra entro il 2021

Taxi a guida autonoma: entro il 2021 i primi esemplari dovrebbero arrivare nelle strade di Londra

di Andrea Senatore, pubblicato il
Taxi a guida autonoma: entro il 2021 i primi esemplari dovrebbero arrivare nelle strade di Londra

In soli tre anni a Londra dovrebbero arrivare in strada i primi taxi a guida autonoma. Tutto questo grazie ad una nuova partnership della società di taxi Addison Lee e la società di software self-driving Oxbotica.  Le due società affermano che collaboreranno per sviluppare, dispiegare e gestire veicoli a guida autonoma nella capitale entro il 2021. Se c’è qualcuno che renderà le auto a guida autonoma una realtà nel Regno Unito, è Oxbotica. Fondata a Oxford nel 2014, la società sta realizzando il software che alimenta i veicoli autonomi ed è considerata una delle principali start-up di software driverless nel mondo.

Taxi a guida autonoma: entro il 2021 i primi esemplari dovrebbero arrivare nelle strade di Londra

La società ha già effettuato prove della sua nuova tecnologia a Greenwich, Gatwick e Heathrow e sta lavorando a un progetto per portare la sua flotta di veicoli tecnologici senza conducente tra Londra e Oxford. A settembre la società ha annunciato un investimento di 14 milioni di sterline per far crescere le sue attività autonome in tutto il mondo.  Parlando della nuova partnership il CEO di Oxbotica, Graeme Smith, ha dichiarato che le due società stanno compiendo un passo importante nella realizzazione della mobilità futura.

“Questo rappresenta un enorme passo avanti verso l’introduzione di veicoli autonomi nell’uso mainstream per le strade di Londra e infine nelle città di tutto il Regno Unito e oltre. C’è ancora un grande lavoro di pianificazione e sviluppo che deve essere fatto prima che le auto autonome possano arrivare in strada”. Le due società collaboreranno per creare mappe digitali dettagliate che coprono più di 250.000 miglia di strade pubbliche a Londra e nei dintorni. 

Le mappe registreranno la posizione di ogni marciapiede, segnale stradale, punto di riferimento e semaforo, che saranno poi immessi nelle auto autonome in modo che possano navigare in sicurezza in tutta la città. A seconda di come andrà a Londra, Addison Lee potrebbe aggiungere taxi a guida autonoma ai propri servizi a New York e in altri mercati internazionali.

Leggi anche: Uber Air: dopo gli USA i test per i taxi volanti saranno estesi anche ad altre nazioni

Taxi a guida autonoma

Taxi a guida autonoma: entro il 2021 i primi esemplari dovrebbero arrivare nelle strade di Londra

Leggi anche: Guida autonoma: primi test per i robo-taxi a Tokyo in vista del loro lancio nel 2020

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tecnologia