Hyundai e Kia sotto investigazione in USA per sospetti incendi alle loro auto

Gli Stati Uniti stanno attualmente indagando su Hyundai e Kia per alcune irregolarità concernenti centinaia di incendi

di , pubblicato il
Gli Stati Uniti stanno attualmente indagando su Hyundai e Kia per alcune irregolarità concernenti centinaia di incendi

Gli Stati Uniti stanno attualmente indagando su Hyundai e Kia per alcune irregolarità concernenti centinaia di incendi nei loro veicoli che sono stati segnalati negli scorsi anni. Le due case automobilistiche hanno richiamato oltre 2,3 milioni di veicoli dal 2015 per affrontare problemi relativi al rischio di incendio del motore, mentre a novembre i procuratori federali avevano avviato un’indagine penale sui marchi della Corea del Sud per determinare se fossero stati eseguiti nei tempi previsti dalla legge i richiami specifici legati ai difetti del motore.

Le due case coreane sono sotto indagine in USA

“Siamo a conoscenza di numerosi incendi che coinvolgono veicoli del Connecticut, tra cui alcuni che presumibilmente erano già stati riparati attraverso il processo di richiamo.

Questa è una questione seria, e ci stiamo muovendo in modo aggressivo e responsabile per scoprire i fatti e garantire le eventuali responsabilità”, ha detto il Procuratore Generale del Connecticut William Tong. Nel 2015, Hyundai ha richiamato 470.000 berline Sonata negli Stati Uniti, sostenendo che il guasto al motore avrebbe comportato la stallo del veicolo. Tuttavia, Kia non ha richiamato i propri veicoli che hanno condiviso il propulsore Theta II della Sonata fino a marzo 2017, quando sono stati richiamati 618.000 modelli Optima, Sorento e Sportage insieme ai crossover Sonata e Santa Fe Sport.

Il mese scorso, il Centro per la sicurezza automobilistica ha dichiarato al Congresso che Hyundai e Kia devono richiamare più veicoli per il rischio di incendio dopo le segnalazioni di 300 incidenti simili che si sono verificati senza che ci sia stata alcuna collisione. All’inizio di questa settimana, il senatore Richard Blumenthal ha chiesto alla NHTSA di avviare un’indagine sui difetti di sicurezza dei veicoli Hyundai e Kia equipaggiati con il motore Theta II precedentemente citato e ordinare un ritiro immediato.

Hyundai ha rilasciato una dichiarazione ufficiale dicendo che “sta cooperando pienamente con il governo in questa materia e si impegna a fornire agli automobilisti americani veicoli sicuri, di alta qualità, efficienti ed economici”. La casa automobilistica ha aggiunto che “ha apportato numerosi miglioramenti alla produzione di motori e ha migliorato le attività di assistenza ai clienti per soddisfare ogni singolo cliente interessato.

Leggi anche: Kia: la concept car di Ginevra suggerisce lo styling per futuri veicoli elettrici

Hyundai e Kia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: