Honda conferma 11 morti legate agli airbag Takata nelle sue auto in USA

Honda: 11 morte accertate a causa di un difetto nello scoppio dell'airbag Takata, quest'ultima adesso rischia la bancarotta

di Andrea Senatore, pubblicato il
Honda

Vi abbiamo parlato della vicenda relativa al problema riguardante gli Airbag Takata presenti in numerose auto in tutto il mondo. Questi airbag per un difetto di fabbricazione in alcuni modelli esplodendo rischiano di creare gravi danni ai passeggeri del veicolo. Ieri Honda ha confermato che a proposito delle sue auto vi sono ben 11 morte legate al difetto degli airbag Takata in USA. A queste 11 vittime se ne sarebbe aggiunta una dodicesima morta sempre a causa dell’airbag mentre l’auto era ferma e l’uomo stava effettuando una riparazione.

Honda: 11 morte accertate a causa degli airbag Takata che adesso rischia la bancarotta

 

A livello mondiale sarebbero 17 i morti a causa di questo difetto, mentre i feriti sarebbero oltre un centinaio, sempre per quanto riguarda la sola Honda. A questo punto Takata rischia la bancarotta visto che il problema nasce da un difetto alla pompa dell’airbag che in caso di apertura trasforma l’airbag in un pericolo mortale. Tra l’altro, questo problema, che ha colpito auto di Honda ma anche di tante altre famose case automobilistiche, è stato al centro di un maxi richiamo in tutto il mondo. Si tratta del più grande di tutta la storia dell’automobilismo.

 

Leggi anche: Honda nega di aver nascosto i pericoli derivanti dagli airbag di Takata

 

Honda

Honda: 11 morte accertate a causa dello scoppio dell’airbag Takata che adesso rischia la bancarotta

 

Leggi anche: BMW, Mazda, Subaru e Toyota hanno raggiunto accordi sugli airbag Takata

 

 

Il problema adesso  è rappresentato da tutti quegli automobilisti che nonostante abbiano ricevuto numerosi avvisi per portare la loro auto ad effettuare la riparazione, non sono ancora andati nelle officine convenzionate. Il rischio è che altri incidenti mortali si possano verificare nei prossimi mesi sempre per lo stesso problema. Vedremo dunque quali altri sviluppi avrà la vicenda con i legali dei parenti delle vittime che ovviamente chiedono conto e soddisfazione alle aziende coinvolte.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Honda