Goodyear reCharge, la tecnologia dei pneumatici autoriparanti

Goodyear sviluppa una nuova tecnologia che permette ai suoi pneumatici di ripararsi da soli rigenerandosi

di , pubblicato il
Goodyear reCharge

Goodyear ha deciso di utilizzare una nuova tecnologia sviluppata da sola, che permette ai suoi pneumatici di ripararsi da soli rigenerando la propria superficie. Questa tecnologia che si chiama reCharge  prevede la presenza di capsule riempite con un liquido integrato nei pneumatici che sono responsabili del rigenerare la superficie del battistrada, adattandosi anche alle condizioni meteorologiche, allo stato della superficie del strada o persino al modo di guidare, in particolare per quanto concerne le auto elettriche. Battezzati come “reCharge”, queste possibilità offerte dallo pneumatico Goodyear sono il frutto dell’intelligenza artificiale, in modo che ogni liquido sia “programmato” per adattarsi alle circostanze di ciascun cliente.

Goodyear sviluppa una nuova tecnologia che permette ai suoi pneumatici di ripararsi da soli rigenerandosi

Si tratta dunque di un gadget più che futuristico che difficilmente però vedremo presto in strada. Per raggiungere una produzione in serie infatti ci vorrà molto tempo. Si deve tener conto del fatto che questo pneumatico è realizzato in materiale biologico e che le fibre di rinforzo sono simili alla seta del ragno, aumentando la resistenza e rendendola degradabile al 100%. Tra gli altri vantaggi, la forma stretta e alta non richiede il monitoraggio della pressione. Ma Goodyear non ha spiegato come cambiare le capsule se necessario.

Leggi anche: Formula 1: Mercedes, con pneumatici più morbidi della Ferrari e della Red Bull a Melbourne

Argomenti: