Gli EV saranno sorpassati dalle auto a idrogeno entro il 2030 secondo un esperto

Felix Gress di Continental ritiene che il futuro dell'auto non sia l'elettrico ma l'idrogeno

di , pubblicato il
Auto a idrogeno

Felix Gress, responsabile delle comunicazioni aziendali e degli affari pubblici di Continental, ha affermato che i veicoli elettrici a batteria si caratterizzano per un basso rapporto qualità / prezzo rispetto alle alternative diesel e benzina. Mentre Gress ammetteva che le auto elettriche oggi stanno conquistando i titoli e l’attenzione dell’industria automobilistica, il dirigente ha previsto che il mercato potrebbe virare verso le auto a idrogeno nel prossimo decennio. “La cella a combustibile non è ancora pronta per il suo debutto sul mercato. Entro il 2030 però questa potrebbe diventare la tecnologia migliore specie per le auto e i camion che percorrono lunghe distanze.Stiamo lavorando anche su quell’area “, ha affermato l’esecutivo.

Felix Gress di Continental ritiene che il futuro dell’auto non sia l’elettrico ma l’idrogeno

Gress ha aggiunto che le auto elettriche avranno difficoltà a trovare l’accettazione tra gli acquirenti di auto. “Per i clienti, sarà difficile accettare una vettura del genere sul mercato, si paga un prezzo più alto, si ottiene meno di una macchina, quindi sarà una vendita dura”, ha detto, affermando che in base alle stime di Continental, la tecnologia della batteria e in generale i veicoli elettrici, hanno i loro limiti. “La tecnologia della batteria, secondo le nostre stime, ha i suoi limiti. Non genera una gamma sufficiente per le esigenze di alcune persone “, ha aggiunto .

L’atteggiamento sprezzante del dirigente di Continental sulle auto elettriche è parallelo a quello del direttore dello sviluppo della BMW, Klaus Frölich, che ha recentemente affermato che i veicoli elettrici non hanno alcuna domanda al momento. Durante una recente intervista al tavolo rotondo a Monaco, Frölich ha osservato che “non ci sono richieste per tali auto”. Rispondendo al gruppo di pressione europeo per i trasporti e l’ambiente, che sta spingendo per l’adozione di più auto elettriche, l’esecutivo ha risposto, sostenendo che BMW potrebbe facilmente inondare il mercato di veicoli elettrici, ma nessuno li comprerà.

“Se abbiamo una grande offerta, un grande incentivo, potremmo invadere l’Europa e vendere un milione di automobili, ma gli europei non compreranno queste auto. I clienti in Europa non acquistano veicoli elettrici. Abbiamo spinto queste auto sul mercato e non sono ricercate. Possiamo consegnare un veicolo elettrificato a ciascuna persona, ma non la comprerà “, ha detto l’esecutivo .

A differenza di Gress di Continental che punta sulle auto a idrogeno, Frölich ha invece argomentato gli ibridi plug-in, che utilizzano sia un motore a combustione interna che un motore elettrico, siano al momento la soluzione migliore. Ha fatto notare che la BMW continuerà a produrre auto elettriche per gli Stati Uniti e la Cina, ma la società concentrerà i suoi sforzi per portare ibridi plug-in con 80 km di autonomia elettrica pura. ” I PHEV offrono loro piena libertà e 80 km di autonomia EV”, ha affermato. Vedremo dunque se queste previsioni risulteranno azzeccate o meno.

Leggi anche: Hyundai Nexo: il suv ad idrogeno sbarca negli USA, avrà oltre 600 km di autonomia

 

Argomenti: