General Motors: la partnership tra tra Lyft e Waymo potrebbe darle un grande vantaggio

General Motors potrebbe trarre un grosso vantaggio dall'accordo di collaborazione annunciato nelle scorse ore tra Waymo e Lyft

di Andrea Senatore, pubblicato il
General Motors

La nuova partnership tra Lyft e Waymo potrebbe dare a General Motors una grossa mano nella corsa per sviluppare le auto a guida autonoma. Lyft, società sostenuta da GM, e Waymo, società di Google Alphabet messa in piedi per lo sviluppo della guida autonoma, hanno raggiunto un accordo lunedì per unire le forze. Waymo è uno sviluppatore leader di software per le auto a guida autonoma. La sua collaborazione apre nuove possibilità per Lyft di lanciare programmi per testare auto senza conducente. Applicazioni come Lyft e Uber stanno investendo su questa tecnologia, nel tentativo di tagliare i costi derivanti dall’utilizzo di driver umani. Uber ad esempio ha stretto un accordo con Volvo. 

 

General Motors potrebbe avvantaggiarsi dell’accordo tra Lyft e Waymo

 

Lyft ha confermato che l’accordo non è esclusivo. In una dichiarazione, General Motors ha confermato che questo annuncio non influenzerà il partenariato esistente tra la casa automobilistica americana e Lyft, che ha ricevuto un contributo di 500 milioni di dollari da GM nel gennaio 2016. “Continuiamo a lavorare con Lyft su vari aspetti della nostra attività”, ha dichiarato il portavoce di General Motors. La casa automobilistica americana, può trarre vantaggio dalla sua connessione con Waymo, anche se ciò avviene solo indirettamente.

 

“Questo accordo spinge General Motors ad essere uno dei produttori tradizionali di auto ad avere le carte in regola per diventare il leader nel settore dei veicoli autonomi. Questo almeno secondo quanto affermato da Rebecca Lindland, analista esecutivo di Kelley Blue Book. Al momento del suo investimento iniziale su Lyft, GM ha detto che prevede di lavorare con Lyft sulla costruzione di una “rete autonoma on-demand” delle auto. Le due società hanno inoltre suggerito che i taxi a guida autonoma dovrebbero entrare nella fase di test già nel 2017.

 

Leggi anche: Fiat Chrysler: Marchionne annuncia che Chrysler Portal arriverà entro due anni

 

General Motors

General Motors

 

Leggi anche: Tesla fa causa ad un suo ex dirigente che ha rubato i segreti sul pilota automatico

 

Nel mese di dicembre, il CEO di General Motors Mary Barra ha annunciato che GM avrebbe immediatamente iniziato a testare le auto elettriche e a guida autonoma Chevrolet Bolt. GM costruirà Bolt autonome nel suo impianto di assemblaggio a Orion nel Michigan. La società di Detroit aveva testato i veicoli a San Francisco e Scottsdale, in Arizona. Ricordiamo anche che Waymo ha anche lavorato con Fiat Chrysler Automobiles. La casa automobilistica ha costruito minivan Chrysler Pacifica per Waymo, che li ha dotati dei sensori e radar necessari per la guida autonoma. I minivan hanno raggiunto le strade pubbliche in California e Arizona all’inizio di quest’anno.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: General Motors