Geely inizia la costruzione dello stabilimento Lotus in Cina

La costruzione del nuovo stabilimento in cui saranno prodotte auto di Lotus in Cina è iniziata

di , pubblicato il
La costruzione del nuovo stabilimento in cui saranno prodotte auto di Lotus in Cina è iniziata

Geely ha avviato la costruzione di un impianto di assemblaggio da 9 miliardi di yuan ($ 1,3 miliardi) per veicoli di fascia alta, tra cui il marchio Lotus, a Wuhan, la capitale della provincia centrale della Cina. Le auto Lotus sono costruite a Norfolk, in Inghilterra. La fabbrica di Wuhan sarà il primo sito di produzione della casa inglese al di fuori del Regno Unito. Lo stabilimento di Wuhan inizierà la produzione tra due anni. Avrà la capacità di costruire 150.000 veicoli convenzionali ed elettrificati ogni anno, secondo le informazioni fornite dal governo provinciale di Hubei sul suo sito web.

A parte Lotus, rimane sconosciuto quali altri veicoli la fabbrica di Wuhan produrrà con il marchio Geely.

La costruzione del nuovo stabilimento in cui saranno prodotte auto di Lotus in Cina è iniziata

Nel 2017, Geely ha acquisito una partecipazione del 49,9% in Proton Holdings, che produce automobili con il marchio Proton, dal conglomerato malese DRB-Hicom. Con lo stesso accordo, la casa automobilistica cinese privata ha acquistato anche una partecipazione del 51% in Lotus. Geely produce veicoli per il marchio del mercato di massa Geely e Lynk & CO, un marchio premium che possiede insieme al marchio Volvo Cars, acquisito da Ford Motor nel 2010. Nei primi due mesi, le vendite combinate di marchi Geely e Lynk & CO sono diminuite del 9 per cento a 241.945 unità. Geely prevede di vendere 1,51 milioni di veicoli nel 2019 con i due marchi, praticamente invariati dal 2018.

Leggi anche: Lotus: ecco i piani di espansione della casa inglese per i prossimi anni

La costruzione del nuovo stabilimento in cui saranno prodotte auto di Lotus in Cina è iniziata

Leggi anche: Fiat Chrysler avrebbe avuto contatti con Geely prima dell’accordo dei cinesi con Daimler

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: