Formula 1: Lewis Hamilton non vuole trattamenti speciali in Mercedes

Lewis Hamilton afferma di non voler essere il pilota numero uno all'interno del team Mercedes

di , pubblicato il
Lewis Hamilton

Lewis Hamilton afferma di non voler essere il pilota numero uno all’interno del team Mercedes. Il pilota britannico ha chiesto esattamente lo stesso materiale e le stesse opportunità del suo compagno di squadra quando è entrato nel 2013 nel team tedesco. Questo è accaduto dopo che Max Verstappen ha dichiarato che i risultati di Hamilton non sono realistici perché non ha avuto dei bravi compagni di squadra.

Lewis Hamilton risponde indirettamente alle critiche di Max Verstappen

In una conversazione con il quotidiano svizzero Blick, Lewis Hamilton afferma: “Quando sono entrato in Mercedes nel 2013, ho subito detto che non volevo essere il numero uno. Volevo solo lo stesso materiale e le stesse opportunità del mio compagno di squadra. Ancora oggi questo è il mio orientamento mentale “. L’ormai cinque volte campione del mondo è andato via dalla McLaren proprio in quel periodo. All’epoca, è stata una sorpresa, ma si è rivelata l’opzione migliore per la sua carriera. Nel corso dell’intervista il campione britannico ha voluto spiegare la sua decisione.

“Ho lasciato il secondo team di maggior successo nella storia della Formula 1 per un nuovo arrivato con meno personale e che in quel momento aveva poco successo. Volevo costruire qualcosa di nuovo”, ha aggiunto Lewis Hamilton. “Se la nostra vita in Formula 1 diventerà più difficile, ci sarò lo stesso. Se combatto con Vettel, Kimi o Valtteri, lo farò sempre in maniera rispettosa e onesta. I giovani piloti sono diversi da quelli della mia generazione ma sono pronto per affrontare chiunque.”

Leggi anche: Formula 1, finisce il sogno Ferrari a Sochi, ma Leclerc è una garanzia – Classifica

Mercedes Formula 1

Mercedes Formula 1

Argomenti: