Formula 1: Leclerc spera di evitare ulteriori scontri con Vettel

Leclerc si trova bene con Vettel in Ferrari e vuole evitare ulteriori scontri in pista con il compagno

di , pubblicato il
Vettel e Leclerc

Charles Leclerc ha elogiato il valore di Sebastian Vettel e afferma di poter ancora imparare molto dal quattro volte campione del mondo, nonostante la coppia si sia scontrata al Gran Premio del Brasile dopo una stagione di ordini e disaccordi all’interno della Scuderia. Quando il pilota monegasco fu promosso in Scuderia a spese di Kimi Raikkonen, si prevedeva che avrebbe svolto un ruolo secondario, con la Ferrari che effettivamente aveva ammesso che Vettel avrebbe ricevuto la priorità inizialmente.

Leclerc si trova bene con Vettel in Ferrari e vuole evitare ulteriori scontri in pista con il compagno

A proposito del rapporto con il compagno, il giovane pilota monegasco ha detto che ha imparato davvero molto lavorando a contatto con l’esperto collega tedesco, 4 volte campione del mondo. Secondo Leclerc Vettel è estremamente professionale e approfondisce molto i dettagli. Inoltre secondo il giovane monegasco, il tedesco fuori dalla pista è anche una persona molto simpatica. Il 22 enne ha detto di stare lavorando bene insieme e che vuole evitare nuovi scontri in pista con il compagno di squadra.

Questo a prescindere da quello che è accaduto tra i due in pista. Leclerc di recente ha prolungato il suo contratto con la Ferrari fino al 2024. Il team del cavallino rampante non fa più mistero di puntare forte sul giovane monegasco. Di contro Sebastian Vettel potrebbe essere giunto alla sua ultima stagione a Maranello. Il suo contratto infatti scade alla fine di questa stagione e al momento sembra difficile che il tedesco possa decidere di rinnovare con il cavallino rampante.

Leggi anche: Charles Leclerc pratica il paracadutismo senza dirlo alla Ferrari

Vettel e Leclerc

Leclerc si trova bene con Vettel in Ferrari e vuole evitare ulteriori scontri in pista con il compagno

Leggi anche: Vettel ammette che la Ferrari non è stata “abbastanza brava” nella prima metà del 2019

Argomenti: