Formula 1: l’Australia esclude di dover tenere il suo GP a porte chiuse

Il direttore esecutivo del GP di Formula 1 in Australia, Andrew Westacott, esclude la cancellazione dell'evento o che possa essere tenuto a porte chiuse

di , pubblicato il
Formula 1

Il direttore esecutivo del GP di Formula 1 in Australia, Andrew Westacott, esclude la cancellazione dell’evento o che possa essere tenuto a porte chiuse dal coronavirus. Westacott ha assicurato oggi che la gara si svolgerà secondo i piani, nonostante la decisione del Bahrein di fare il proprio GP a porte chiuse. La situazione relativa al coronavirus cambia ogni giorno, ma il direttore della Australian GP Corporation è stato deciso a non far uscire i fan dallo show.

Il GP di Formula 1 in Australia si terrà regolarmente a porte aperte

Il direttore dell’evento ha anche confermato che le auto Ferrari e AlphaTauri sono già arrivate all’aeroporto di Avalon. “Non c’è alcuna possibilità che la gara si svolga a porte chiuse ” , afferma Westacott secondo il quotidiano britannico This is Money. “Se guardi alle 86.000 persone che erano ieri al Melbourne Cricket Ground o che hanno partecipato al calcio australiano la scorsa settimana, dobbiamo affrontarlo in modo sensato e continuare con le nostre vite prendendo le misure necessarie”, aggiunge.

“La cosa interessante è che il carico italiano, le auto di Alpha Tauri e quelle della Ferrari, sono già ad Avalon mentre parlo, quindi è davvero ottimo. Il personale chiave è sui loro aerei”, conferma Westacott. ” Le uniche due persone che non sono venute dall’Italia sono state Sebastian Vettel, arrivato dalla Svizzera, e Charles Leclerc, che ha lasciato Monaco per Nizza. Tutti gli altri stanno arrivando e speriamo che siano qui nelle prossime 12 o 24 ore.” , ha detto Westacott in conclusione.

Per quanto riguarda il Bahrein, gli organizzatori hanno annunciato che la loro gara si svolgerà a porte chiuse. Bernie Ecclestone, che di solito si reca a questa corsa, ha assicurato che quest’anno non verrà per paura del coronavirus. “I leader del Golfo Persico prendono molto sul serio il coronavirus. Ho respinto l’invito del re. Mercoledì andrò in Brasile, finora ci sono solo 13 persone infette”, rivela Ecclestone in un’intervista al quotidiano svizzero Blick.

Leggi anche: Formula 1: Mercedes, con pneumatici più morbidi della Ferrari e della Red Bull a Melbourne

Argomenti: