Formula 1: I team suggeriscono di mantenere le gomme di quest’anno nel 2020

In Formula 1 i team hanno suggerito a Pirelli di confermare le gomme di quest'anno nel 2020

di , pubblicato il
In Formula 1 i team hanno suggerito a Pirelli di confermare le gomme di quest'anno nel 2020

In Formula 1 i team hanno suggerito al fornitore di pneumatici Pirelli di confermare le gomme di quest’anno anche per il prossimo. Dopo i test di Austin infatti quasi tutti i piloti erano del parere che le gomme attuali siano nettamente migliori di quelle sviluppate per il prossimo campionato.  Pertanto, diversi team leader stanno pensando di continuare per un altro anno con i pneumatici del 2019, che mesi fa alcuni come Ferrari e Red Bull hanno provato a ritirare a favore di quelli dell’anno scorso.

In Formula 1 i team hanno suggerito a Pirelli di confermare le gomme di quest’anno nel 2020

Mattia Binotto, capo della scuderia italiana, ha affermato che “il comportamento di venerdì (ad Austin) era molto diverso da quello che avevamo a Barcellona quando li abbiamo testati. I nuovi pneumatici che abbiamo testato non dovrebbero essere più veloci, non dovrebbero presentare un degrado migliore, ma dovrebbero comportarsi meglio in termini di autonomia e surriscaldamento ” , ha spiegato. “Ciò che non sosterremo è che non corrispondono agli obiettivi prefissati. I sentimenti e il feedback dei piloti finora non sono stati positivi . ”

Christian Horner, suo omonimo alla Red Bull, ha dichiarato di non voler sostenere l’introduzione di pneumatici in Formula 1 che non soddisfano gli obiettivi prefissati. “Le gomme non sono state un progresso positivo questo fine settimana e penso che sia stato unanime, ma abbiamo deciso di impiegare un paio di giorni per studiare i dati e cercare di capire perché. Penso che convenga rimanere con ciò che abbiamo se ciò che viene proposto non è migliore. ”

Ancora più schietto è stato Otmar Szafnauer, che ora sta sostenendo la decisione di respingere le nuove gomme. “Penso che sia il risultato più probabile. La costruzione pensata per il campionato di Formula 1 2020 non ha funzionato davvero come ci era stato detto che avrebbe funzionato, e implica più rischi rispetto al bene che può offrire, quindi penso che non abbiamo altra scelta che tornare indietro ”, ha affermato il responsabile di Racing Point.

Il principale responsabile tecnico di Pirelli, Mario Isola, ha difeso il suo lavoro, chiedendo pazienza fino al test di Abu Dhabi a dicembre, dove i team potranno adattare le auto alle gomme che hanno cambiato struttura e profilo.

” Sono sicuro che con i due giorni di Abu Dhabi avremo un test più rappresentativo , avremo il tempo di configurare l’auto, verificare il nuovo profilo e tutto quel genere di cose”, ha detto.

Leggi anche: Formula 1: Prost prevede guai per la Ferrari nel 2020

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.