Ford taglia 20 mila posti nelle sue fabbriche in tutto il mondo

Secondo il Wall Street Journal, Ford sarebbe intenzionata molto presto a tagliare circa 20 mila posti di lavoro nelle sue fabbriche fuori dagli USA

di Andrea Senatore, pubblicato il
Ford

Ford è al centro di un’indiscrezione davvero poco piacevole lanciata nelle scorse ore dal Wall Street Journal. Il celebre quotidiano americano ha infatti pubblicato la voce secondo cui la celebre casa automobilistica americana, a causa del calo della domanda di auto in tutto il mondo, pare sia intenzionata a taglia di circa 20 mila posti la forza lavoro presente nelle proprie fabbriche sparse in tutto il mondo. Ford che di recente ha messo in guardia il Regno Unito dei pericoli derivanti dalla Brexit, sembrerebbe dunque decisa a ridurre i costi di produzione riducendo il numero dei suoi dipendenti.

 

Ford taglia 20 mila posti di lavoro secondo il Wall Street Journal

 

Il taglio di Ford che dovrebbe essere annunciato entro la fine della prossima settimana non dovrebbe riguardare gli stabilimenti americani del gruppo dove attualmente lavorano 57 mila dipendenti. Questi tagli dovrebbero riguardare tutti gli altri siti produttivi del brand automobilistico americano sparsi per il mondo. Anche questa mossa rientrerebbe nei provvedimenti presi dal numero uno della società statunitense Mark Fields per ridurre i costi di produzione di 3 miliardi di dollari nel 2017 e migliorare così la redditività del gruppo in vista del prossimo anno.

 

Leggi anche: Ford Mustang 2018: le nuove Brochure mostrano novità importanti

 

Ford

La casa americana secondo il Wall Street journal potrebbe tagliare 20 mila posti di lavoro in tutto il mondo

 

Leggi anche: Hyundai: le sue vendite superano quelle di Ford e Fiat Chrysler in un importante paese

 

Il taglio di Ford, sempre secondo quanto racconta il Wall Street Journal, riguarderà dunque circa il 10 per cento dei dipendenti della casa americana che attualmente ammontano a 202 mila unità.  Ricordiamo che ad aprile la casa automobilistica ha accusato un calo di oltre il 7 per cento nel numero delle immatricolazioni rispetto allo stesso mese del 2016. Mark Fields CEO dell’azienda americana probabilmente spera in questa maniera di aumentare gli utili.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ford