Ford potrebbe costruire un secondo EV in Europa grazie a Volkswagen

Secondo Stuart Rowley, Ford potrebbe usare la piattaforma MEB di Volkswagen per un secondo EV

di , pubblicato il
Volkswagen e Ford

Ford Motor potrebbe costruire più di un modello di auto elettrica basata sulla piattaforma di veicoli elettrici del Gruppo Volkswagen. Lo ha dichiarato a Stuart Rowley, presidente della casa automobilistica americana in Europa, secondo quanto riportato nelle scorse ore dalla stampa tedesca. Realizzare un solo modello sarebbe finanziariamente insostenibile e dunque presto potrebbe venire presa la decisione di realizzare un secondo modello. Lo stesso Rowley parlando con Handelsblatt lo ha confermato: “Sì, ne stiamo parlando”, ha detto Rowley al giornale.

Secondo Stuart Rowley, Ford potrebbe usare la piattaforma MEB di Volkswagen per un secondo EV

Ford ha dichiarato a luglio che utilizzerà la piattaforma per veicoli elettrici di Volkswagen nota con il nome di MEB, per progettare un nuovo veicolo elettrico a batteria per le sue operazioni europee. La casa automobilistica ha dichiarato che prevede di consegnare oltre 600.000 veicoli basati su MEB in Europa per un periodo di sei anni a partire dal 2023. Volkswagen ha investito $ 7 miliardi nella sua piattaforma MEB dal 2016.

Il gruppo tedesco prevede di utilizzare MEB per sostenere la produzione di circa 15 milioni di auto per i suoi marchi VW, Audi, Skoda e Seat, tra cui autovetture a tre o a cinque porte, berline, crossover e minivan nel prossimo decennio. Vedremo dunque se nei prossimi mesi arriveranno ulteriori conferme a questa importante notizia che lega ulteriormente i due importanti produttori di auto.

Leggi anche: Uno studio Ford rivela che 4 americani su 10 credono che i veicoli elettrici siano alimentati a benzina

Secondo Stuart Rowley, numero uno di Ford in Europa, la casa americana potrebbe usare la piattaforma MEB di Volkswagen per un secondo EV

Leggi anche: Ford: Il crossover elettrico ispirato alla Mustang potrebbe debuttare al Salone di Los Angeles 2019

Argomenti: