Ford annuncia 400 licenziamenti per il calo delle vendite

Ford ha comunicato il licenziamento di 400 lavoratori nella fabbrica di Almussafes in Spagna per adeguare la produzione alla domanda

di , pubblicato il
FORD

Cattive notizie per i lavoratori Ford ad Almussafes (Valencia). La società ha comunicato ai sindacati un licenziamento di 400 persone per adeguare la forza lavoro alla produzione. Ford stima che debba produrre 100 unità al giorno in meno. I licenziamenti non saranno temporanei, poiché la situazione, nelle parole della società, “non è temporanea” e verrà mantenuta nel tempo. A parte la Kuga , il resto dei modelli che viene prodotto in quella fabbrica non gode di ottima salute commerciale.

Ford ha comunicato il licenziamento di 400 lavoratori nella fabbrica di Almussafes in Spagna

Il presidente del comitato aziendale e il segretario generale della UGT a Ford, Carlos Faubel, aveva già avvertito in un’intervista rilasciata a El País che la Ford doveva prendere un “fermo e serio impegno” per il continente europeo, in particolare per quanto riguarda Almussafes e che il futuro “non era molto incoraggiante” . Faubel ha spiegato che nel 2021 Almussafes smetterà di produrre motori EcoBoost per il mercato americano, lì saranno rigenerati e la produzione andrà persa perché il successore di Transit Connect sarà realizzato insieme a Volkswagen, e saranno i tedeschi a produrlo.

Leggi anche: La nuova Ford Mustang Mach-E EV fa il suo debutto europeo

In questo momento Ford Almussafes sta producendo 1.740 veicoli al giorno. Affinché la produzione si adegui alle vendite, il ritmo dovrebbe essere abbassato a 1.640 unità . In totale, 7.300 persone lavorano nello stabilimento. A settembre parte del turno di notte era già stato interrotto e i licenziamenti sono stati evitati attraverso trasferimenti, in attesa di migliori vendite che non sono arrivate.

Leggi anche: Ford Mustang Mach-E ha già un totale di 41.000 prenotazioni

Ford

Ford ha comunicato il licenziamento di 400 lavoratori nella fabbrica di Almussafes in Spagna per adeguare la produzione alla domanda

 

Argomenti: