Ford afferma che il WiFi potrebbe interferire con la tecnologia di comunicazione V2X

Una ricerca di Ford ha dimostrato che i segnali WiFi possono causare interferenze con la tecnologia V2V e V2X

di , pubblicato il
Ford

La tecnologia di comunicazione da veicolo a veicolo (V2V) e da veicolo alle altre infrastrutture (V2X) ha il potenziale per rendere la guida più sicura e meno stressante, quindi è allarmante sentire che i segnali WiFi potrebbero interferire con essi. Come notato da Consumer Reports, il direttore esecutivo di Ford Connected Vehicle and Services ha scritto alla Federal Communications Commission (FCC) per dire loro che la loro ricerca ha dimostrato che i segnali WiFi possono causare interferenze che “impediscono ai nostri veicoli di comunicare istantaneamente tra loro, oppure i loro dintorni. ”

Una ricerca di Ford ha dimostrato che i segnali WiFi possono causare interferenze con la tecnologia V2V e V2X

Don Butler ha continuato dicendo: “Questa interferenza riduce i segnali in tempo reale intesi a proteggere i pedoni, prevenire gli incidenti e identificare i modelli di traffico“. Nei documenti inviati all’FFC , Ford ha osservato che “nei test sul campo … abbiamo osservato una perdita completa della ricezione del messaggio di sicurezza di base quando le interferenze erano accese e i veicoli erano a più di 30 m di distanza dall’intersezione. Ciò implica che qualsiasi applicazione di sicurezza che si basa sulla comunicazione V2V non riuscirebbe a produrre un avviso tempestivo per il conducente a velocità superiori a 40 km / h. ”

I problemi sono sorprendentemente tecnici, ma possono essere colmati fino allo spettro wireless. Come notato dalla pubblicazione, a dicembre, l’FFC ha proposto di riallocare parte dello spettro riservato alla tecnologia V2X per spendere WiFi. Tuttavia, questo sembra provocare delle interferenze tra i due. Consumer Reports è stato scettico sul cambiamento proposto e gli ultimi sviluppi stanno sollevando serie preoccupazioni.

Leggi anche: Ford Mustang Mach-E: già quasi esaurite le unità che saranno prodotte nel 2020

Argomenti: