Fiat Chrysler a gennaio vola in Italia, male negli USA

Il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles cresce bene a gennaio 2017 in Italia, negli USA invece vendite in calo per i suoi brand

di Andrea Senatore, pubblicato il

Fiat Chrysler Automobiles ha iniziato bene l’anno in Italia. A gennaio le vendite dei brand che fanno parte del gruppo italo americano guidato da Sergio Marchionne sono stati protagonisti una vera e propria impennata. In un mercato che nel suo complesso cresce del 10,1 per cento, Fiat ha ottenuto una crescita del 14,5 per cento, mentre Alfa Romeo ha incrementato le sue vendite del 27,2 per cento.

Complessivamente le vendite di FCA in Italia sono cresciute a gennaio del 12,3 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016. In totale per il gruppo del Presidente John Elkann sono state oltre 50.200 le  immatricolazioni in Italia.

A proposito di Fiat Chrysler, segnaliamo che in Italia sono stati ben 6 i modelli entrati a gennaio nella top ten delle auto più vendute: Fiat Panda, 500, Ypsilon, Tipo, 500L e Punto. In Italia unica nota stonata del gruppo italo americano è rappresentata da Jeep.

Il brand statunitense di FCA infatti perde il 5,6 per cento rispetto ad un anno fà. E’ facile ipotizzare che il calo sia dovuto all’attesa dei clienti per la nuova Jeep Compass che arriverà in Italia nei prossimi mesi, dunque è facile ipotizzare che il risultato di Jeep fino a quando non arriverà sul mercato la nuova Compass potrebbe non essere esaltante.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia eletta in Francia ‘Auto più bella del 2016’

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: bene in Italia a gennaio 2017 male invece i risultati negli Stati Uniti

Leggi anche: Fiat, Alfa Romeo e Jeep: i dati di vendita di gennaio 2017 in Spagna e Francia

Di tenore totalmente diverso sono i risultati che arrivano dagli Stati Uniti per Fiat Chrysler Automobiles sempre per quanto riguarda il mese di gennaio che si è appena chiuso. Qui infatti il gruppo di Sergio Marchionne accusa un calo dell’11 per cento dopo che a dicembre aveva chiuso l’anno con -10%.

Andando a guardare le performance dei singoli brand nel dettaglio, notiamo che a parte Ram e Maserati che crescono rispettivamente del 5 e del 69%, tutti gli altri marchi sono dati in calo. In particolare segnaliamo il -7 per cento di Jeep e il -9 per cento di Fiat.

Discorso a parte va fatto per Alfa Romeo. La casa del Biscione con l’arrivo di Alfa Romeo Giulia vede crescere le immatricolazioni del 59%, ma si tratta di piccoli numeri: 108 esemplari venduti in tutti gli States. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo, FIAT Chrysler

I commenti sono chiusi.