Fiat Chrysler vittima di un furto da 2 milioni di dollari in USA

Fiat Chrysler: furto da 2 milioni di dollari in USA per il gruppo italo americano, un camionista avrebbe sottratto moltissimi bidoni di plastica

di Andrea Senatore, pubblicato il
Fiat Chrysler

In USA il gruppo Fiat Chrysler Automobiles è stato vittima di un furto da 2 milioni di dollari. Secondo quanto riporta il Detroit News, un camionista avrebbe rubato al gruppo italo americano bidoni di plastica per un valore di 2 milioni di dollari. L’uomo avrebbe poi rivenduto i bidoni ricavando poco meno di mezzo milione di dollari. L’autore del furto, tale Arshawn Hall, 51 anni, sempre secondo quanto riportato dal Detroit News, avrebbe poi usato parte del denaro per comprare una casa.

 

Fiat Chrysler: subisce furto da 2 milioni di dollari in USA

 

Il portavoce di Fiat Chrysler USA, Michael Palese ha dichiarato al momento di non poter fare alcun commento sulla vicenda in quanto in questo momento le autorità stanno indagando su quanto accaduto. In ogni caso secondo il rapporto pubblicato dal Detroit News gli atti criminali di Hall sarebbero iniziati a maggio del 2012 e sono continuati per altri 10 mesi. Ovviamente Fiat Chrysler farà tutto il possibile per far valere i suoi diritti in sede civile e penale contro l’indagato.

 

Il camionista avrebbe raccolto i cassonetti che sono stati utilizzati per contenere parti di automobili durante il loro trasporto a Detroit, secondo quanto rivela il rapporto. I bidoni sono stati poi portati in un società di riciclaggio. Hall avrebbe dichiarato alla società di riciclaggio che i bidoni erano di sua proprietà.

 

Leggi anche: Alfa Romeo: a Pomigliano il suv compatto? a fine luglio Marchionne potrebbe dare conferme

 

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler Automobiles: furto da 2 milioni di dollari in USA per il gruppo italo americano, un camionista avrebbe sottratto moltissimi bidoni di plastica

 

Leggi anche: Maserati GranTurismo 2018, le prime immagini arrivano da New York

 

Hall è stato chiamato in giudizio Giovedì presso il tribunale federale e secondo le accuse potrebbe rischiare fino a 20 anni di carcere. I pubblici ministeri chiedono all’uomo di rinunciare alla casa acquistata pagando  200.000  dollari,  soldi ricavati presumibilmente dai bidoni rubati a Fiat Chrysler. L’uomo è stato rilasciato avendo pagato una cauzione di 10.000 dollari.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: FIAT Chrysler